Lisk rilancia la sua blockchain con il focus sull’educazione e sull’accessibilità

Il 20 febbraio Lisk ospita a Berlino un evento di rilancio della sua blockchain che ha come scopo la dimostrazione del nuovo design con il focus sull’accessibilità e del progetto a lungo termine. Anche se il rebranding comporterebbe la presentazione di un nuovo design, del portafoglio e della dashboard front-end, il team di Lisk ha deciso di fare molto di più. Il CEO e il co-fondatore della startup, Max Kordek, ha detto a CoinDesk:

“All’inizio era molto più simile a un progetto tecnologico. Ora stiamo abilitando di più le persone, dandli accesso, perché la tecnologia blockchain è una cosa così straordinaria. Fondamentalmente vogliamo distribuirlo alle persone per renderlo accessibile in modo che tutti possano costruirci sopra”.

Sviluppare una piattaforma migliore sia per gli utenti che per gli sviluppatori che fanno già parte della comunità esistente è la proiorità per Lisk. La scorsa settimana, Lisk ha presentato un fondo che supporterà lo sviluppo di “sidechain di alta qualità” per accompagnare la rete principale. Kordek ha scritto in un post sul blog che ha destinato 1.700.000 LSK per questa iniziativa.

Ma Koredk e il suo team non si fermano qui perché vogliono creare anche un hub educativo per quelli che vogliono addentrarsi nella tecnologia blockchain.

“Dobbiamo anche attrarre nuove persone e queste persone non sanno nulla di blockchain, quindi dobbiamo anche trovare dei modi in cui possiamo insegnare e istruire su questa tecnologia in modo che tutti vedano i vantaggi”.

“Apple, ovviamente, ha dovuto insegnare al mondo come usare un iPhone”, ha detto Kordek. “Quindi dobbiamo fare qualcosa di simile: dobbiamo prima insegnare alla gente cos’è la blockchain, quali sono i vantaggi e poi come usare il nostro portafoglio o il nostro ecosistema.”

Lisk vanta in questo momento circa 2.5 miliardi di euro di capitalizzazione del mercato ed è composto da un team di 34 persone. Lisk è un fork della blockchain crypti, creato nel 2016. La startup è stata recentemente su due exchange importanti nel mercato asiatico: Bitflyer e Huobi e sta espandendo la sua comunità in quell’area.

Pubblicato da

Francesco Chiparo

L'evangelista del bitcoin e delle criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *