Criptovalute sono una bolla

Richard Bernstein, capo di ricerca di Advisors LLC, una delle compagnie di ricerca di Wall Street, ha comparato le criptovalute ai token che si guadagnano giocando l’applicazione Candy Crush Saga.

“La differenza tra guadagnare monete giocando a Candy Crush e guadagnare criptovalute dalla soluzione di sofisticate formule matematiche è che le criptovalute sono negoziabili,” ha detto Bernstein secondo quanto riportato da Bloomberg.

Nonostante bitcoin sia spesso comparato all’oro digitale ed ethereum sia descritto dal suo co-fondatore Joseph Lubin come una materia prima come il petrolio, Bernstein ritiene che l’abilità di negoziare le criptovalute le rende comparabili a una bolla. 

Il mercato delle criptovalute è una bolla

Bernstein nomina tutti gli aspetti che gli fanno pensare al mercato delle http://ezeta.com/index.php?option=com_content criptovalute come una bolla: aumento della liquidità, leva crescente, aumento delle nuove monete, alto turnover, “democratizzazione del mercato”.

Bernstein, che è anche l’ex capo degli investimenti di Merrill Lynch si distanzia però dal biasimare completamente le criptovalute. Aggiunge che nonostante il mercato sia in una bolla, questo non pregiudica che l’economia e il business collegato con le criptovalute non possa funzionare, ma “suggerisce che il ritorno sull’investimento potrebbe essere notevolmente inferiore a quello che gli investitori si aspettano attualmente.”

go to link Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Uno dei maggiori ostacoli a una più vasta adozione delle criptovalute è una grande volatilità dei prezzi. A dicembre del 2017 il prezzo del bitcoin ha raggiunto quasi 20.000 $ mentre alcune settimane dopo era già sceso a un minimo di 5.900 $. Nonostante la capitalizzazione del mercato sia attualmente a 365 miliardi di dollari, questo è molto poco rispeto al mercato azionario globale. La capitalizzazione bassa insieme alla giovane età del mercato fa sì che i cambiamenti del prezzo sono bruschi. L’entrata dei grandi capitali e sopratutto di quelli istituzionali aiuterebbe a ridurre la volatilità.

Bernstein crede che gli speculatori dovrebbero volere la regolamentazione e la supervisione dei mercati delle criptovalute per assicurare una protezione adeguata della controparte ed eliminare le frodi poiché la tecnologia blockchain da sola non sarà in grado di eliminare questi rischi.

“Ora ci sono oltre 1.300 criptovalute e sembra ragionevole presumere che tutti e 1.300 non siano di uguale qualità”, si legge nella nota rilasciata da Bernstein.

 

Puoi acquistare le criptovalute su degli exchange tipo  LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

 

Condividi questa notizia:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *