EOS blockchain è un progetto di una piattaforma scalabile, senza le commissioni per transazione, che supporterà le applicazioni decentralizzate (dApp) e sarà costruita in modo molto facile per permettere ai developers di sviluppare queste dApp.

Il problema della scalabilità della blockchain

Una blockchain per essere utilizzata a livello mondiale deve essere veloce e la blockchain di Bitcoin ha dato prova di non essere in grado di avere una scalabilità abbastanza grande da poter supportare tante transazioni.

Anche Ethereum, che è molto più veloce, ha visto il suo network intasato quando è stata rilasciata l’app Crypto Kitties. Ethereum riesce a far passare 15 transazioni al secondo mentre Bitcoin soltanto 7.

La blockchain di Litecoin è più veloce (50 transazioni al secondo), ma la blockchain di Eos è costruita per batterle tutte.

La scalabilità di Eos può arrivare fino a 1 milione di transazioni al secondo.

 

Il problema della scalabilità è uno dei principali da affrontare nella costruzione di una blockchain. È la scalabilità che ci dice se una blockchain può ricevere milioni di transazioni o meno.

Se tutti quelli che stanno costruendo le applicazioni sulla blockchain di Ethereum, le lanciano e rendono disponibili al pubblico, la rete non riuscirà a supportare questo numero di transazioni e crollerà.

Eos, a differenza di tante blockchain ha un’enorme scalabilità sia verticale che orizzontale, commissioni zero e permette la costruzione di applicazioni decentralizzate quindi ha tutto ciò che ci vuole per porre una vera minaccia a Ethereum.

Se pensiamo che Facebook riceve 52 mila like al secondo e Ethereum riceve 15 transazioni al secondo, vuol dire che se FB volesse utilizzare la blockchain soltanto per i suoi like, questa dovrebbe essere 3466 mila volte più efficiente di quanto questa di Ethereum. Eos, con il suo milione di transazioni al secondo, riuscirebbe a svolgere bene questo compito.

enter site La blockchain di bitcoin è stata la prima e grazie al suo successo tutti gli altri developers hanno potuto sviluppare i propri progetti prendendo dal bitcoin ciò che funziona e migliorando ciò che non funziona.

Quando Dan Larimer ha cominciato a costruire Eos, si è focalizzato sulla scalabilità. Era evidente che il bitcoin, allo stadio al quale era, non avrebbe potuto supportare il numero delle transazioni che crescevano sempre di più e quindi Larimer ha voluto ovviare a questo problema.

Il CTO di Eos ha preso qualcosa anche dalla blockchain di Ethereum.

La caratteristica principale di Ethereum è la possibilità di creare degli smart contracts e Larimer ha voluto implementare e migliorare questo aspetto.

Eos utilizzerà gli smart contracts che saranno molto più efficienti degli smart contracts normali.

Gli smart contracts di Eos

La tecnologia blockchain si basa sull’elaborazione sequenziale delle transazioni, che causa ritardi e può rendere la tecnologia inefficiente.

Larimer ha visto che la scalabilità verticale non basta per permettere a una blockchain di funzionare senza essere congestionata e che bisogna scalare anche orizzontalmente.

La blockchain di Eos potrà elaborare una quantità elevata di transazioni contemporaneamente pur rimanendo in grado di servire altri comandi di rete come l’esecuzione di dApp e senza creare una “coda” sulla blockchain.

Le caratteristiche principali della blockchain di Eos

Le caratteristiche principali della blockchain Eos

La blockchain di Eos utilizzerà un meccanismo di consenso Delegated Proof of Stake (DPoS) nel quale i possessori di token EOS continuamente votano per i produttori dei blocchi, che minano i blocchi e decidono sui principali eventi nell’ecosistema Eos.

I produttori di blocchi con l’81% dei voti, potranno bloccare gli account, aggiornare contratti intelligenti e proporre dei hard fork, ma nel caso in cui un produttore si comporterà male, potrà essere cambiato.

I blocchi sulla blockchain verranno creati ogni 3 secondi e esattamente un produttore è autorizzato a produrre un blocco in un dato momento. Il tempo della conferma di una transazione sarà di 1.5 secondi.

Una caratteristica unica della blockchain di Eos sarà la possibilità di correggere degli errori e ripristinare i cambiamenti con il consenso della maggioranza assoluta invece di aver bisogno di un hard fork. In condizioni normali una blockchain DPoS non avrà bisogno degli hard fork in quanto i produttori dei blocchi lavoreranno cooperando e non competendo con gli altri come nel Proof of Work blockchain tipo bitcoin. Nel caso in cui un hard fork avvenga, la blockchain di Eos passerà alla catena più lunga.

Le aziende che andranno a sviluppare le applicazioni su una blockchain così flessibile avranno la possibilità di migliorare le proprie applicazioni in qualsiasi momento.

Le transazioni su Eos non comportano le commissioni. I token Eos saranno indispensabili per i developers delle applicazioni per rendere le dApp operazionali sulla blockchain e saranno anche necessari per gli account che registrano nuovi utenti di queste applicazioni. Il costo di finanziamento del nuovo account utente sarà insignificante se comparato con ciò che le aziende spendono oggi in pubblicità e promozione per acquistare utenti.

 

La ICO di Eos

I token EOS vengono utilizzati per raccogliere i fondi durante la ICO, la cui durata e di 11 mesi. La ICO è cominciata il 27 giugno 2017 e finisce l’1 giugno 2018.

I token EOS possono essere acquistati sugli exchange tipo Livecoin, buy Lyrica online australia Binance e HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare Eos con BTC, USD o ETH e senza la verifica dell’account.

Condividi questa notizia:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *