EOS notizie

eToro e Coinone aggiungono EOS e Bitfinex si candida al BP

A distanza di poche ore tre grandi notizie si spargono nella community di EOSIO. Coinone ed eToro aggiungono EOS alle loro liste di criptovalute mentre Bitfinex annuncia la sua candidatura al Produttore dei Blocchi. Le notizie si riflettono subito nel sentiment del mercato con l’aumento del prezzo di EOS nelle ultime 24 ore del 17,85%. 

La piattaforma di trading eToro aggiunge EOS

eToro, una piattaforma di social trading con oltre 9 milioni di utenti, ha aggiunto EOS alla sua lista di altre 9 criptovalute. Su eToro è possibile comprare i CFDs di Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash, XRP, Litecoin, Ethereum Classic, Dash, Stellar e NEO e a queste si aggiunge anche EOS. 

eToro è nato come una piattaforma di trading dei titoli tradizionali come azioni, materie prime, valute e indici ed è soltanto da poco che la compagnia ha deciso di introdurre anche le criptovalute che hanno subito riscosso un grande successo trai traders della piattaforma.

Coinone, exchange di criptovalute, lista EOS

Coinone, con i suoi 643,000 utenti registrati e 23,4 miliardi di won di entrata mensile a dicembre del 2017,  è il terzo più grande exchange di criptovalute nella Corea del Sud. Coinone ha annunciato su Twitter l’aggiunta di EOS alla sua lista di altre 10 criptovalute: Bitcoin, Bitcoin Cash, Bitcoin Gold, Ethereum, Ethereum Classic, OmiseGo, Qtum, Ripple, Iota e Litecoin.

 

Bitfinex, candidato al Produttori dei Blocchi di EOSIO

Bitfinex, uno degli exchange di criptovalute con più liquidità e con circa 1,350,693,062$ di volume giornaliero, ha annunciato la sua candidatura al Produttore dei Blocchi (BP). Bitfinex si aggiunge così a una lunga lista dei candidati ai 21 BP trai quali c’è anche l’AntPool di Bitmain. 

 

 

Essendo un candidato al Produttore dei Blocchi, Bitfinex si impegna a “far crescere la natura open source dello spazio digitale decentralizzato dei titoli. Questo viene fatto attraverso intense ricerche, collaborazioni e sviluppo della comunità.” Mirano a “combinare il potenziale di EOSIO con i propri termini di ricerca, sviluppo e adozione a un livello molto più alto.”

La candidatura di un exchange di criptovalute ha però alzato tante questioni che riguardano la provenienza di EOS che verranno utilizzati sia per la votazione sia per il deposito a garanzia o staking. La community di EOSIO si chiede se Bitfinex utilizzerà le riserve dei token presenti sul proprio exchange e se, in tal caso, potrà utilizzarle anche per il deposito a garanzia. Sono questioni che non sono state vietate nella costituzione di EOSIO e che sono però molto controverse in quanto, oltre a far partire Bitfinex in netto vantaggio rispetto ad altri BP, pongono un punto interrogativo sul potere dell’exchange esercitato sui propri utenti. 

Daniel Larimer, il creatore di EOSIO ha già espresso nel passato la sua visione dei Produttori dei Blocchi e ha menzionando gli exchange di criptovalute come principali contender ai candidati. Il suo retweet di EOS New York potrebbe spiegare il motivo di questo pensiero.

 

Bitfinex sta stringende il legame sempre più forte con EOSIO. A febbraio, Bitfinex ha annunciato che creerà EOSfinex, un exchange decentralizzato ad alta prestazione che combinerà tutte le migliori caratteristiche degli exchange centralizzati e decentralizzati come la velocità, l’affidabilità, la capacità di sopportare i volumi alti e la trasparenza.

Acquistare EOS su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *