Eos blockchain

EOS rafforza la sua posizione nella lotta per superare Ethereum

Il progetto EOS si sta facendo strada attraverso il mercato delle criptovalute e comincia a rappresentare una seria minaccia ai suoi concorrenti come Ethereum, Neo o Lisk a nominarne solo alcuni. L’iniziativa di creare una blockchain ad alta prestazione che dia la possibilità di costruirvi sopra delle applicazioni decentralizzate è partita da Daniel Larimer, creatore di un exchange decentralizzato Bitshares e di Steem.

EOS è uno dei token che sta avendo maggior successo da circa un mese con un apprezzamento del 48%, ma è da circa due settimane che fa parlare molto di sé avendo subito un aumento del 79%. Nonostante questo, EOS è ancora al di sotto del 45% rispetto al suo massimo storico del 13 gennaio quando il prezzo del token ha raggiunto 18,79$. 

L’aumento del prezzo potrebbe essere dovuto al recupero generale del mercato delle criptovalute che nelle ultime due settimane ha visto salire il prezzo di Bitcoin del 31%.

Il prezzo di EOS suscetibile alle notizie

L’aumento del 79% del prezzo di EOS potrebbe anche essere collegato con l’uscita di alcune notizie positive. La AntPool operata da Bitmain ha annunciato la sua candidatura al Produttore dei Blocchi mentre eosDAC, un altro candidato, ha fatto l’airdrop dei token a tutti i possessori di token EOS.

 

Il 17 aprile WAX ha riferito che costruirà un suo marketplace virtuale utilizzando la tecnologia blockchain sviluppata da EOS. A questo si aggiunge un’ultima notizia che riguarda non solo EOS, ma anche Ethereum. Venture Capital Working Group ha chiesto alla Securities and Exchange Commission (SEC) di non classificare alcune criptovalute come titoli o securities e, mentre Ethereum potrebbe essere incluso in tale categoria perché è stato creato tramite una ICO, EOS sembra avere tutte le carte in regola per non essere catalogato come titolo.

EOS è il concorrente principale di Ethereum

EOS nasce con lo scopo di essere una minaccia per Ethereum. La blockchain EOS è stata designata per permettere ciò che, allo stato attuale, Ethereum non è capace di fare e cioè la scalabilità verticale e orrizontale delle applicazioni decentralizzate.

La struttura blockchain così fatta sarà capace di raggiungere un milione di transazioni al secondo, eliminare le commissioni lato utente e permetterà un’implementazione facile delle applicazioni decentralizzate (DApp).

“Il software fornisce account, autenticazione, database, comunicazione asincrona e pianificazione di applicazioni su molti core o cluster di CPU. La tecnologia risultante è un’architettura blockchain che può alla fine ridimensionarsi a milioni di transazioni al secondo, elimina le tasse dell’utente e consente un’implementazione rapida e facile e il mantenimento di applicazioni decentralizzate, nel contesto di una blockchain governata ” dice il WhitePaper di EOS.

Il token EOS è essenziale per i candidati ai 21 Produttori dei Blocchi e, mentre alcuni di loro avranno già comprato EOS, molti vorranno rafforzare le loro posizioni per avere la sicurezza di essere eletti. Con poco più di cinque settimane mancanti alla fine della distribuzione dei token e al lancio del mainnet di EOS, si presume che anche il prezzo andrà a salire, ma nonostante il rilascio del testnet Dawn 3.0 non bisogna dimenticare che la blockchain EOS rimane ancora nient’altro che un progetto in fase di sviluppo.

Acquistare EOS su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *