Lightning Network Bitcoin

Eclair, il Bitcoin wallet che supporta Lightning Network rimosso dal Google Play

Eclair, il primo portafoglio Bitcoin che sfrutta la potenza del Lightning Network è stato rimosso dal Google Play Store. Le transazioni fatte tramite il Lightning Network costano una frazione delle normali tariffe di rete Bitcoin e sono effettuate praticamente in tempo reale.

Eclair è il primo portafoglio mobile Bitcoin LN. È stato sviluppato da una società francese di tecnologia Bitcoin denominata Acinq. 

A marzo, Acinq ha affermato che Eclair Alpha Client è la prima implementazione per raggiungere la conformità con Basis of Lightning Technology (BOLT).

Vari sviluppatori di Lightning Network hanno concordato il set di standard già l’anno scorso, alla conferenza Scaling Bitcoin di Milano. I documenti risultanti descrivono un protocollo di livello 2 per il trasferimento di bitcoin off-chain attraverso la cooperazione reciproca e, se fosse necessario, facendo affidamento sulle transazioni sulla catena.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

I BOLT assicurano che le varie implementazioni siano interoperabili, risultando in una rete senza problemi. L’incontro comprendeva sviluppatori di Acinq, Amiko Pay, Purse.io, Bitfury, Blockstream e Lightning Labs. Gli sviluppatori di Acinq affermano di essere stati entrambi coordinati e in concorrenza con almeno altri tre team per produrre il proprio cliente.

Nonostante il portafoglio bitcoin abbia ricevuto molti elogi da parte degli utenti, non era ancora un prodotto finito. L’app di Eclair conteneva degli errori e veniva aggiornata frequentemente sulla base dei reclami ricevuti dal pubblico.

Fulminea rimozione del portafoglio bitcoin

Tuttavia, il 7 aprile, Acinq ha deciso di rimuovere l’applicazione dal Google Play Store. Acinq ha dichiarato su Twitter che l’azienda “potrebbe aver perso la chiave di firma (signing key)” che consente loro di aggiornare l’app, aggiungendo che “la chiave non è stata compromessa, è stata cancellata per errore e non è recuperabile”“Quindi è meglio smettere di usare l’app, e pubblicheremo una nuova app separata a breve” diceva un altro tweet.

 

 

Questo sviluppo ha suscitato una serie di risposte dai social media. L’incidente è stato descritto da molti come “imbarazzante” per una startup che si ritiene sia esperta in cripto e che “cancellare accidentalmente” la propria chiave e non avere un suo backup è inaccettabile in questo ambiente.

Alcuni credono invece che le dichiarazioni di Acinq non siano vere e che la chiave è stata compromessa o che è stato scoperto un bug irreparabile nell’app. 

L’applicazione Eclair è stata pubblicata sul Google Play Store il 4 aprile ed è stata rimossa soltanto dopo 3 giorni dalla sua esistenza.

Compra le criptovalute su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Pubblicato da

Carlo Ventura

Carlo Ventura ha scoperto il suo interesse per la tecnologia blockchan nel 2014. È un lettore avido, l'investitore in bitcoin e l'esperto dell'ICO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *