Bitcoin farà scoppiare la bolla creata dalle banche centrali

Jon Matonis, il co-fondatore della Bitcoin Foundation ha detto che bitcoin non è una bolla e che sarà quello che farà scoppiare la bolla creata dai mercati obbligazionari e dai mercati azionari falsi sostenuti dalle banche centrali.

“Alle persone che dicono che il bitcoin è una bolla, direi che il bitcoin è uno spillo che farà scoppiare la bolla: la bolla è il folle mercato delle obbligazioni e il falso mercato azionario sostenuto dalle banche centrali. Quelle sono le bolle.”

Matonis, nella sua intervista per the Business Insider ha dismesso le paure che bitcoin fosse in una bolla speculativa e crede che il mondo sta entrando in “un’età post-legale” che “non è guidata dalle banche centrali” ma dalle criptovalute decentralizzate come bitcoin che andranno ad alimentare questo cambiamento.

Entrata delle banche nel mercato delle criptovalute

Nonostante Matonis si mostrasse scettico verso i sistemi finanziari tradizionali, si è pronunciato in modo molto positivo sulla possibilità d’entrata di una delle più importanti banche nel mercato delle criptovalute e cioè della Goldman Sachs.

“Penso che sia favoloso che stanno prendendo in considerazione di entrare perché porta nuova liquidità” ha dichiarato Matonis aggiungendo che l’entrata delle istituzioni finanziarie permetterebbe a far “maturare il mercato” e ridurre la volatilità.

“Svilupperanno il mercato dei futures, i mercati delle opzioni – penso addirittura che inizierete a vedere i mercati dei tassi di interesse attorno a bitcoin”, ha detto. “Siamo abituati a sentire cose su Libor, l’indice per i tassi di interesse dei bitcoin è Bibor.”

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Nel passato, il co-fondatore della Bitcoin Foundation aveva sostenuto che l’ecosistema bitcoin avrebbe bisogno di un tasso di interesse di riferimento simile al Libor e Matonis aveva promosso il concetto di Bibor (Bitcoin Inter Broker Offered Rate).

Questo tasso di riferimento è importante nei contratti striking, nei prestiti e per i broker che forniscono bitcoin ai potenziali venditori short.

Il mercato delle criptovalute non dovrebbe essere regolamentato

Parlando della regolamentazione del mercato delle criptovalute, Matonis ha detto che secondo lui, non ci dovrebbero essere nessune regolamentazioni perché i regulatori sono molto confusi e che il nuovo modello della raccolta dei fondi che utilizza i cosidetti utility tokens non rientra in nessuna categoria e perciò non può essere limitato da nessuna delle leggi esistenti.

“Penso che dovremmo operare in un ambiente di caveat emptor: lascia che l’acquirente faccia la sua ricerca”, ha dichiarato Matonis. “Si spera che questo abbia costretto molti investitori a fare più ricerche, nessuno li costringe a investire nelle ICO. Se sei preoccupato per il rischio, vai via.”

La raccolta dei fondi da parte delle start up tramite Initial Coin Offering è stata comparata da Matonis come un “terzo modello”:

“In realtà emettono degli utility token nel mercato che non rappresentano l’equity, non rappresentano il debito. Rappresentano una rivendicazione negoziabile sul successo del token, che è in effetti, si spera, è legato al successo dell’azienda.

“Questo è un modello completamente nuovo, e non si adatta a nessuna delle categorie del regolatore.”

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

 

Criptovalute – L’ESMA impone il limite di leva finanziaria sul trading di CFDs

L’ESMA (Autorità europea sulla sicurezza mercati finanziari) ha annunciato il 27 marzo che imporrà delle restrizioni sulla leva dei prodotti finanziari derivati come i Contract for difference (CFD) e le opzioni binarie legati alle criptovalute.

L’ESMA ha dichiarato che le misure intraprese saranno temporanee e che entreranno in vigore tra un mese nel caso delle opzioni binarie e tra due mesi nel caso dei contratti CFD.

L’ESMA impone delle restrizioni sui CFD sulle criptovalute

Le misure restrittive sui CFD offerti agli investitori europei sono:

  • il limite di leva finanziaria 2:1 sull’apertura di ogni posizione
  • i traders devono fornire un margine iniziale del 50% del valore nozionale del CFD quando il sottostante è una criptovaluta – più del doppio del margine iniziale richiesto per qualsiasi altro CFD.
  • la protezione dal saldo negativo in base al conto in modo da fornire un limite globale garantito sulle perdite dei clienti
  • una restrizione agli incentivi offerti per negoziare i CFD
  • l’avviso di rischio specifico compresa la percentuale di perdite sui conti degli investitori di CFD, fornito in modo standardizzato

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

L’autorità europea sulla sicurezza mercati finanziari ha rilasciato un documento nel quale scrive:

“Le criptovalute sono una classe degli asset relativamente immatura che rappresenta un grosso rischio per gli investitori. L’ESMA e le NCA hanno delle preoccupazioni significative sull’integrità del processo di formazione dei prezzi nei mercati sottostanti alle criptovalute, il che rende intrinsecamente difficile per i clienti al dettaglio valutare questi prodotti.”

In passato, sia l’ESMA che altri regolatori e le istituzioni finanziarie hanno avvertito gli investitori sui rischi legati al trading delle criptovalute. Il mercato delle criptovalute presenta una volatilità molto elevata e l’introduzione del limite 2:1 sulla leva sul trading dei CFD “fornirebbe agli investitori una protezione sufficiente“.

Le misure concordate imporranno una restrizione di tre mesi per la commercializzazione, la distribuzione o la vendita di CFD agli investitori.

L’ESMA ha espresso la sua preoccupazione per il modo in cui i CFD sulle criptovalute e le opzioni binarie vengono commercializzati e proposti ai clienti. Le tecniche di pubblicizzazione aggressiva, l’offerta dei bonus o dei regali sotto forma di una vacanza, della macchina o dei prodotti elettronici creano negli investitori l’impressione del trading di questi asset come una caratteristica centrale del prodotto al punto che potrebbero non riuscire a valutare correttamente il livello del rischio associato al prodotto.

L’ESMA ha concluso che “A causa delle caratteristiche specifiche delle criptovalute come classe degli asset, il mercato degli strumenti finanziari che forniscono esposizione a criptovalute, come i CFD, sarà strettamente monitorato.” Sulla base delle sue conclusioni, l’ESMA “valuterà se sono necessarie delle misure più rigorose”.

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Russia vuole utilizzare la blockchain nelle prossime elezioni

Ella Pamfilova, il capo della Commissione Elettorale Centrale della Russia ha rivelato il piano per l’introduzione di un sistema basato sulla blockchain che sarebbe protetto da attacchi hacker e che sarebbe più conveniente per gli elettori.

“Discuterò questo problema con il presidente … c’è una richiesta pubblica per questo. Abbiamo rinnovato tutto ciò che potevamo prima delle ultime elezioni, ma ora che le elezioni sono finite, dobbiamo agire preventivamente. Voglio creare un sistema che non ha analoghi, un sistema basato sulla blockchain. Questa è la mia ambizione “, ha annunciato nella stazione radio “Moscow Calling”.

La blockchain è certamente una delle tecnologie più discusse del momento e l’applicazione di questa tecnologia nelle elezioni potrebbe eliminare la frode elettorale, fornendo una chiara registrazione dei voti espressi e impedendo qualsiasi possibilità di elezioni truccate.

Nell’attuale clima di messa in discussione dell’integrità dei processi elettorali, il potenziale della tecnologia blockchain di cambiare radicalmente i sistemi di voto tradizionali è enorme. Il principale pregio della blockchain è il fatto che, a differenza dei sistemi di voto elettronici penetrabili attualmente in uso,  consente a ciascun voto di diventare immutabile dopo che è stato registrato sul libro maestro.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Pamfilova ha detto che il sistema di voto registrato sulla blockchain potrebbe essere utilizzato nelle prossime elezioni presidenziali russe previste per il 2024.

La tecnologia blockchain già in uso nelle elezioni presidenziali

La tecnologia blockchain è già stata utilizzata nelle elezioni presidenziali russe per gli exit polls al voto del 18 marzo. L’agenzia di ricerca dell’opinione pubblica VTSIOM ritiene che il nuovo sistema “ha impedito qualsiasi modifica esterna ai dati raccolti, ha ridotto l’efficacia degli attacchi hacker e assicurato la trasparenza della raccolta e dell’aggregazione dei dati”.

L’agenzia ha anche promesso che, in caso di successo, il progetto sarebbe diventato la base per il programma “Digital VTSIOM” che è in fase di sviluppo e che è previsto per la realizzazione nel 2018-2021.

Anche lo stato della West Virginia degli Stati Uniti utilizza la tecnologia blockchain per il voto attraverso un’applicazione mobile.

L’8 marzo 2018 la notizia che la Sierra Leone ha conodtto le prime elezioni basate sulla blockchain ha fatto il giro del mondo, ma lo stesso governo ha poi negato che una tale tecnologia fosse mai stata utilizzata per il sistema di voto.

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Scoperti dei difetti in Monero che potrebbero rivelare l’identità degli utenti

Un gruppo di ricercatori provenienti da alcune istituzioni statunitensi ha scoperto una serie di difetti in Monero – una delle criptovalute cosidette “private” – che potrebbero rivelare l’identità non solo di chi utilizza Monero adesso, ma anche di quelli che l’hanno utilizzato nel passato.

I ricercatori dell’Università di Princeton, Carnegie Mellon, l’Università di Boston, MIT e l’Università di Illinois at Urbana-Champaign hanno condotto delle ricerche sul meccanismo che consente agli utenti di Monero di oscurare le loro transazioni.

Monero è progettato per mescolare ogni “moneta” Monero con altri pagamenti, in modo che chiunque, perlustrando la blockchain di Monero non possa collegarlo a una particolare identità o a una transazione precedente dalla stessa fonte. I ricercatori hanno indicato nel loro lavoro pubblicato a marzo del 2018 i difetti di quel mixaggio che consentono di estrarre comunque le singole transazioni.

Anche se nessuna di queste debolezze è del tutto nuova, essendo stata discussa dagli sviluppatori sin dal 2015, i ricercatori ritengono che gli utenti che effetuavano le transazioni prima di febbraio 2017 sono esposti ad un rischio significativo di deanonimizzazione. Potrebbero essere interessate più di 200.000 transazioni tra luglio 2016 e febbraio 2017.

Su Livecoin puoi acquistare Monero con USD o EUR e senza la verifica dell’account

I ricercatori hanno indicato due distinte incrinature nella non rintracciabilità di Monero, una delle quali è stata fissata in un update all’inizio del 2017, e una che persiste ancora oggi nonostante gli sviluppatori di Monero avessero preso dei provvedimenti per risolverlo.

Un difetto di Monero, risolto nel 2017, erano le mixin deducibili che potevano essere tracciate alle transazioni precedenti tramite l’analisi accurata. L’altro difetto è stato individuato nelle mixin che vengono campionate da una distribuzione che non assomiglia a una spesa reale e quindi gli input reali possono essere identificati.

Attualmente, dopo l’ultimo update di Monero, è possibile individuare la moneta reale il 45% delle volte, ma chi sceglie una “privacy coin” proprio per la sua caratteristica di garantire l’anonimato, avere una possibilitità su pressoché due di avere la transazione rintracciata, non è abbastanza rassicurante.

Bisogna notare che queste incrinature non identificano il destinatario della criptovaluta soltanto il mittente. Questo perché Monero nasconde gli indirizzi dei destinatari con una tecnica chiamata “indirizzi stealth”. Nonostante ciò, se un utente fa un pagamento a un exchange dove la sua identità e nota e poi esegue una transazione che dovrebbe rimanere anonima, rischia di essere identificato.

Una solozione al problema potrebbe essere il miglioramento del campionamento delle mixin. Avere un più grande set di “monete da esca” (decoy coins) in ogni transazione assicurerebbe un maggiore anonimato, ma influenzerebbe negativamente il livello di archiviazione che Monero richiede sui computer degli utenti e il tempo dell’esecuzione delle transazioni. Non vi sembra essere una soluzione ottimale.

Questo è un fatto preoccupante per chi spende Monero oggi contando sull’anonimato della criptovaluta e significa anche che la prova dei pagamenti precedenti non del tutto irrintracciabili rimane memorizzata per sempre nella blockchain di Monero.

Compra Monero su uno dei seguenti exchange LivecoinExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Litecoin Foundation ha annuciato che LitePay ha cessato l’attività

La Litecoin Foundation ha annunciato il 26 marzo che LitePay, l’azienda che doveva processare i pagamenti con litecoin, ha cessato la sua attività. Anche Charlie Lee, il creatore di litecoin, ha scritto un tweet pronunciandosi “dispiaciuto per aver fatto pubblicità a questa società”.

Il piano di LitePay di offrire un portafoglio e una carta di debito LitePay attraverso la quale gli utenti potevano convertire litecoin in dollari americani è stato accolto con grande entusiasmo.  Le operazioni di lancio del processore di pagamenti in 41 paesi del mondo sono state avviate a febbraio, ma quando il lancio non è avvenuto, sia la Litecoin Foundation sia Charlie Lee, sono stati accusati dagli utenti di avere gestito male la situazione e di rovinare la reputazione di litecoin.

 

Su Livecoin puoi acquistare Litecoin con BTC, USD o ETH e senza la verifica dell’account.

 

La Litecoin Foundation ha scritto sul proprio sito che Kenneth Asare, il CEO di LitePay, ha contattato la fondazione dicendo che “ha cessato tutte le operazioni e si sta preparando a vendere la compagnia”.

La fondazione aveva già contattato Asare qualche settimana prima esprimendo preoccupazioni per la “natura non trasparente” di LitePay.

“Fu in quel momento che Kenneth chiese alla fondazione ulteriori fondi per continuare le operazioni. La fondazione ha rifiutato qualsiasi ulteriore finanziamento in quanto non è stato in grado di fornire un quadro soddisfacente di dove erano stati spesi i soldi e ha rifiutato di entrare nei dettagli esatti della società e di mostrare prove oggettive per sostenere le sue dichiarazioni.”

La fondazione ha espresso le sue scuse e ha promesso di fare più ricerche in futuro riguardo ai progetti.

“Litecoin stava facendo perfettamente bene prima della promessa di LitePay e continuerà a farlo. L’ecosistema è molto più grande di una società ed è in continua crescita con il sostegno di molti altri con prodotti pronti per il mercato che si uniscono allo spazio e rispettano le loro promesse per rendere più facile per il mondo utilizzare Litecoin.”

 

Compra Litecoin su LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Immagini di abusi su minori trovate nella blockchain di bitcoin

I ricercatori della RWTH Aachen University in Germania sostengono di aver scoperto 274 link ai siti sulla pornografia infantile mentre investigavano i dati non finanziari che sono stati archiviati nella blockchain di Bitcoin.

Ricercatori tedeschi hanno scoperto che persone sconosciute usano la blockchain di Bitcoin per archiviare e collegare le immagini di abusi sui minori, mettendo potenzialmente in pericolo la criptovaluta. I risultati della ricerca sono stati pubblicati in un articolo.

La blockchain è il libro mastro distribuito open source che registra ogni transazione bitcoin, ma può anche memorizzare piccoli bit di dati non finanziari. Questi dati sono in genere note sul commercio di bitcoin, registrando a cosa servivano o altri metadati. Ma può anche essere usato per memorizzare collegamenti e file.

I ricercatori della RWTH Aachen University, in Germania, hanno scoperto che circa 1.600 file erano attualmente archiviati nella blockchain di Bitcoin. Di questi almeno otto erano di contenuto sessuale, tra cui una che potrebbe essere un’immagine di abuso sui minori e due che contengono 274 link a contenuti di abuso dei minori, 142 dei quali sono dei link ai servizi di dark web.

“La nostra analisi mostra che determinati contenuti, ad esempio la pornografia illegale, possono rendere illegale il semplice possesso di una blockchain”.

“Sebbene le sentenze dei tribunali non esistano ancora, i testi legislativi di paesi come la Germania, il Regno Unito o gli Stati Uniti suggeriscono che contenuti illegali come le immagini di abusi sui minori possono rendere illegale la blockchain per tutti gli utenti.”

“Questo mette in pericolo in particolare i mercati multimiliardari che alimentano criptovalute come bitcoin”.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Sebbene l’utilizzo di bitcoin non richieda necessariamente una copia della blockchain, alcuni processi, come il mining richiedono il download dell’intera blockchain.

“Dal momento che tutti i dati della blockchain vengono scaricati e memorizzati in modo persistente dagli utenti, essi sono responsabili per gli eventuali contenuti discutibili aggiunti alla blockchain da altri. Di conseguenza, sarebbe illegale partecipare a un sistema basato sulla blockchain non appena contenga contenuti illegali “, hanno scritto i ricercatori.

Poiché il mining è essenziale per la funzione di bitcoin, avere dei contenuti illegali come le immagini degli abusi sui minori all’interno della blockchain potrebbe causare dei problemi significativi per la valuta.

“Prevediamo un alto potenziale per il contenuto illegale sulla blockchain per mettere a repentaglio sistemi basati sulla blockchain come bitcoin in futuro”, hanno scritto i ricercatori.

Non è la prima volta che vengono emessi avvisi sulla possibilità di memorizzare dati non finanziari all’interno della blockchain. Interpol ha lanciato un avviso nel 2015 affermando che “il design della blockchain significa che esiste la possibilità che il malware venga iniettato e permanentemente ospitato senza metodi attualmente disponibili per cancellare questi dati”.

L’agenzia ha avvertito che la tecnologia potrebbe essere utilizzata nella “condivisione di immagini di abusi sessuali su minori in cui la blockchain potrebbe diventare un rifugio sicuro per ospitare tali dati”.

Ma questa è la prima volta che tale contenuto è stato effettivamente dimostrato, creando un dilemma morale e legale attorno al possesso e alla blockchain.

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Documenti segreti rivelano che gli utenti di bitcoin erano tracciati dalla NSA americana

È già da tempo che girano le voci su chi veramente ha creato bitcoin. L’identità di Satoshi Nakamoto, il creatore anonimo di bitcoin, è stata attribuita a diverse persone e organizzazioni trai quali anche alla National Security Agency (NSA) americana. Nonostante tante di queste teorie spesso complottiste non sono mai state confermate, dagli ultimi risvolti risulta che la NSA ha un collegamento con bitcoin.

Il 20 marzo, Edward Snowden, l’ex dipendente della CIA, ha fornito dei documenti che mostrano che la National Security Agency ha lavorato per identificare gli utenti di bitcoin in tutto il mondo e ha maneggiato almeno una misteriosa fonte di informazioni per “aiutare a rintracciare i mittenti e i destinatari di bitcoin”.  Secondo un rapporto segreto della NSA risalente al marzo del 2013, risulta che l’agenzia ha sfruttato un programma che probabilmente fungeva da un VPN con la caratteristica di offrire l’anonimato agli utenti per raccogliere e analizzare il traffico Internet grezzo e globale.

La priorità numero uno dell’agenzia era tracciare bitcoin anche se pure le altre criptovalute sono state sottoposte al monitoraggio.

I documenti segreti pubblicati da The Intercept indicano che il rintracciamento degli utenti di bitcoin è andato ben oltre l’esame approfondito del libro mastro delle transazioni pubbliche di bitcoin, noto come la blockchain.

Sulla blockchain chiunque può vedere il flusso di bitcoin da indirizzo a indirizzo. Questa informazione non può identificare nessuno perché gli indirizzi sono solo dei numeri casuali. Tuttavia, se un qualsiasi indirizzo delle transazioni del passato o del futuro può essere associato a un’identità reale, potrebbe essere possibile lavorare da quel punto e indovinare chi può possedere tutti gli altri indirizzi.

L’evidenza fornita dai documenti mostra che il tracciamento potrebbe anche avere comportato la raccolta dei dettagli privati dai computer degli utenti sottoposti a monitoraggio. La NSA ha raccolto le informazioni sulla password di alcuni indirizzi bitcoin, l’attività su Internet e il numero identificativo univoco del dispositivo noto come l’indirizzo MAC, come suggerito in un memo della NSA del 29 marzo 2013. Oltre a questo, gli analisti hanno anche discusso il rilevamento degli indirizzi Internet degli utenti, delle porte di rete e dei timestamp per identificare gli “Obiettivi Bitcoin”. ” Avendo dei dati a disposizione come “le informazioni di fatturazione e gli indirizzi IP” è stato possibile mettere un nome a un determinato utente di bitcoin.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Le operazioni di spionaggio degli utenti di bitcoin sono state realizzate tramite un programma denominato con un nome in codice Oakstar che è una rete di aziendali con le partership segrete. Oakstar consentiva alla NSA di monitorare le comunicazioni e raccogliere i dati via Internet mentre viaggiavano lungo i cavi in ​​fibra ottica.

Apparentemente, nel 2012 è stato creato e promosso online un software Monkeyrocket che offriva la protezione della privacy durante la navigazione su Internet. La NSA ha utilizzato questo presunto software VPN per ricevere i dati sui movimenti in rete degli utenti di bitcoin.

Nei documenti viene notato che parte della “strategia a lungo termine” per Monkeyrocket era “attirare gli obiettivi del terrorismo, [incluso] Al Qaida” sull’uso di questo “prodotto di navigazione”, che “la NSA può poi sfruttare”. Il programma aveva una vasta base dei clienti in Iran e in Cina, ma raccoglieva i dati anche dai clienti situati nel Medio Oriente, in Europa, nel Sud America e in Asia.

La diffusione di quest notizia potrebbe creare la diffidenza nei confronti dei software per la privacy. Questo “alimenta una narrativa che gli Stati Uniti sono inaffidabili”, ha affermato Johns Hopkins dell’University Information Security Institute. “Questo mi preoccupa”.

La NSA ha anche spiato sui gruppi di persone che utilizzavano il livello di anonimato consentito dalle transazioni bitcoin per scopi clandestini, come le attività di riciclaggio di denaro. La sorveglianza della blockchain di bitcoin ha permesso alle spie americane di rompere un sito di riciclaggio del denaro sporco, la Liberty Reserve, e presumibilimente, anche del mercato nero della droga, la Silk Road.

 

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Dash integrato in Payza come l’alternativa al bitcoin

Payza, una compagnia di trasferimento del denaro online, ha annunciato il 15 marzo l’integrazione di dash nei suoi servizi.

Payza è stata il primo e-wallet a consentire ai suoi membri di utilizzare bitcoin per i trasferimenti, pagamenti o per gli acquisti e da ieri, da la possibilità di utilizzare dash allo stesso modo.

Dash è attualmente al decimo posto per capitalizzazione del mercato mentre nel corso del 2017 il suo valore è cresciuto del 5000%.

Payza supporta non solo dash e bitcoin, ma anche 25 criptovalute differenti che significa che non c’è più bisogno di tenere un wallet dedicato alle criptovalute.

Con questo ultimo aggiornamento, i membri di Payza possono detenere dash nei propri account, inviarlo istantaneamente ad altri membri e scambiare dash per altre valute (incluso bitcoin) interamente nel proprio account Payza.

Il supporto di dash prevede anche le commissioni molto basse: non ci sono commissioni per il deposito di dash sull’account Payza, la quota di prelievo è di 0,000005 dash (la commissione del miner), e la commissione per ricevere dash è dell’1,2% per transazione, che è inferiore alla tariffa di ricezione standard di Payza del 2,9% + $ 0,30.

“Ci sono diversi motivi per cui abbiamo scelto dash come seconda criptovaluta integrata nella nostra piattaforma, dopo bitcoin. Dash vanta le tariffe di rete basse e transazioni veloci, due caratteristiche che gli utenti cercano in una criptovaluta “, ha affermato Firoz Patel, il CEO di Payza. “Dash ha anche una comunità vivace e attiva, specialmente nei paesi in via di sviluppo, che ci attrae come una società che si concentra anche sul potenziamento delle popolazioni che non hanno l’accesso ai conti bancari. Infine, dash è user-friendly e ha una roadmap per migliorare ulteriormente l’usabilità.”

Insiema alla notizia dell’aggiunta di dash, Payza ha annunciato anche la sua partnership con BlockCypher che si specializza nelle soluzioni blockchain e offre prodotti agnostici blockchain. Grazie a questa collaborazione il servizio di e-wallet di Payza si espandera ad altre criptovalute.

“Ci stiamo già preparando a lanciare il pieno supporto per ethereum e litecoin nelle prossime settimane e stiamo esplorando anche altre integrazioni di criptovalute.”

Acquista bitcoin e dash su LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin o dash con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Barclays raggiunge l’accordo con Coinbase e abbraccia le criptovalute

Coinbase, uno dei più grandi exchange di criptovalute, ha raggiunto un accordo molto raro con una banca britannica, Barclays che gli permetterà di aprire un conto in banca.

Grazie a questo accordo i clienti britannici dell’exchange potranno facilmente acquistare e vendere le criptovalute, ha detto mercoledì il capo dell’exchange britannico. Nonostante il Regno Unito fosse il più grande mercato europeo per Coinbase,  i clienti dovevano, in precedenza, trasferire sterline in euro e passare attraverso una banca estone, cosa che rendeva tutto il processo molto lento e costoso.

“Avere dei pagamenti domestici in GBP con Barclays riduce i costi, migliora l’esperienza del cliente … e velocizza la transazione”, ha dichiarato Zeeshan Feroz, il CEO di Coinbase UK.

Anche se il crescente interesse sia per le criptovalute sia per la tecnologia blockchain sottostante fosse in aumento, alcune banche hanno deciso di limitare la possibilità dei suoi clienti di acquistare le valute virtuali per paura che un brusco calo dei prezzi potrebbe lasciare i clienti senza la capacità di rimborsare i debiti. La paura del lavaggio del denaro sporco ha anche giocato la sua parte nella reticenza delle banche di aprire i conti agli exchange di criptovalute.

Feroz ha dichiarato che l’Unione Europea, guidata dal Regno Unito, è stata nel 2017  il mercato di Coinbase in più rapida crescita. La startup con la sede a San Francisco e con circa 12 milioni di utenti è una delle più importanti aziende focalizzate sul bitcoin e prevede di avere centinaia di persone che lavorano nella sua sede londinese entro la fine dell’anno.

La notizia dell’accordo arriva poco dopo che le autorità finanziarie e i regolatori statunitensi hanno avvertito sulle criptovalute. In Europa, il governatore della Bank of England, Mark Carney, ha recentemente chiesto una maggiore regolamentazione delle criptovalute, definendo la sua enorme volatilità “una mania speculativa”.

A febbraio è stata anche lanciata un’inchiesta sulle valute virtuali per esaminare i rischi posti ai consumatori, alle imprese e al governo.

Nonostante questo, Feroz ha detto che Coinbase ha ricevuto una licenza dal regolatore finanziario britannico per emettere la moneta elettronica e fornire dei servizi di pagamento nel Regno Unito e in tutta l’UE, aggiungendo un altro livello di legittimità alla sua attività.

Ha detto che Coinbase ha già seguito le regole normative riguardanti la verifica dei clienti e le procedure antiriciclaggio e che l’autorizzazione rilasciata dalla Financial Conduct Authority mostra la conformità dell’azienda e che gli standard operativi sono “alla pari con le attività di servizi finanziari tradizionali”.

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Un grande giorno per Bitcoin, il Lighting Network lancia il mainnet

“Una grande giornata per bitcoin, il Lightning va in diretta su mainnet! ⚡Annunciata la prima versione beta Lightning per la rete live bitcoin, lnd 0.4.” scrive Lightining Labs. su Twitter.

 


Lighting Labs ha annunciato in un blog post il rilascio della versione beta del Lighting Network Daemon (LND) che è una versione per gli sviluppatori di future applicazioni Lightning (Lapps) e per gli utenti tecnici e potenziali operatori dei nodi di routing.

La notizia arriva poco dopo che il LN ha raggiunto 1000 nodi sul mainnet e 1893 canali di pagamento aperti. Il Lightning Network è una soluzione per la scalabilità “off-chain” della blockchain di Bitcoin che permette i pagamenti istantanei con le commissioni quasi zero.

Lightning Labs ha anche annunciato i nomi dei suoi sostenitori trai quali c’è Jack Dorsey, il CEO di Square e Twitter, l’ex co-fondatore di PayPal David Sacks e il co-fondatore di Robinhood Vlad Tenev, Bill Lee, l’angel investor in Tesla e SpaceX, Jacqueline Reses di Square Capital e Charlie Lee, il creatore di litecoin. Il progetto ha raccolto finora 2.5 milioni di dollari dagli investitori.

“Crediamo che lnd 0.4-beta sia un grande passo nello sviluppo della rete Lightning e contribuirà a rendere Bitcoin e altre criptovalute più semplici, veloci, sicure e più diffuse.”

Il lnd-0.4 beta è soltanto una parte di tutto uno sviluppo intorno alla blockchain di Bitcoin. Lightning Labs sta lavorando anche sugli cross chain atomic swaps, sulle applicazioni sia per il mobile che per il desktop, sugli Atomic Multipath Payments (AMP) e sulla sicurezza attraverso i backup e i Watchovers.

 

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Playboy si fionda sulla blockchain, pianifica un cripto wallet

L’editore della popolare rivista Playboy e la compagnia multimediale, la Playboy Enterprises, Inc. ha annunciato che sta sviluppando un portafoglio dei pagamenti online che supporterà le criptovalue attraverso tutti i suoi canali multimediali.

Playboy.TV sarà la prima delle piattaforme multimediali della società a presentare il nuovo portafoglio digitale che consentirà alla piattaforma online di accettare  VIT ( Vice Industry Token ) e altre criptovalute principali, per accedere ai contenuti esclusivi del marchio, ha dichiarato la società. Integrandosi con VIT, i visitatori saranno in grado di pagare e guadagnare i token per visualizzare i contenuti originali di Playboy.TV, oltre a commentare e votare.

“Visto che la popolarità dei metodi di pagamento alternativi continua a crescere in tutto il mondo, insieme alla portata delle piattaforme digitali di Playboy, abbiamo ritenuto importante dare ai nostri 100 milioni di consumatori mensili una maggiore flessibilità di pagamento”, ha dichiarato Reena Patel, il CEO di Licensing e Media per Playboy Enterprises, Inc.

“Questa innovazione dà ai milioni di persone che amano i nostri contenuti, così come quelli che in futuro parteciperanno alle nostre piattaforme di gioco casual, AR e VR, più scelte per quanto riguarda il pagamento e, nel caso di VIT, un’opportunità per essere premiati per interagire con le offerte di Playboy. “

Vice Industry Token, una piattaforma blockchain decentralizzata e token crittografico che premia gli spettatori solo per guardare i contenuti, è stata lanciata all’inizio di quest’anno ed è attualmente nel bel mezzo di una vendita di massa che termina il 20 marzo. A febbraio, la società ha annunciato di aver raccolto USD 22 milioni in sole 24 ore.

Il nuovo portafoglio digitale dovrebbe essere disponibile prima della fine dell’anno. Playboy Enterprises, Inc. ha anche in programma di integrare la criptovaluta nelle sue iniziative dei giochi casuali, AR e VR in futuro.

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Coinfloor lancia i contratti futures sul bitcoin

Un exchange di criptovalute con la sede nel Regno Unito, ha annunciato mercoledì 14 marzo che lancerà presto i primi contratti futures sul bitcoin.

Coinfloor, fondato  nel 2013 è rivolto agli hedge fund, alle società di trading proprietarie e agli investitori al dettaglio sofisticati, così come ai minatori di criptovalute ha dichiarato Mark Lamb, il co-fondatore di Coinfloor, in un’intervista a Reuters.

“Quando parli con i fornitori di liquidità, tutti dicono la stessa cosa, che vogliono un contratto futures fisicamente consegnato in modo che possano coprire la loro esposizione attraverso gli scambi”, ha detto a margine della conferenza annuale della Futures Industry Association a Boca Raton in Florida.

I contratti futures sul bitcoin  di Coinfloor, che verranno lanciati il mese prossimo, vengono offerti anche dalle CBOE e CME americane oltre che da CryptoFacilities e Bitmex. I futures consentono ai trader di scommettere sul prezzo del bitcoin senza detenere direttamente la valuta digitale, il tutto su un mercato regolamentato. I primi contratti lanciati a dicembre del 2017 hanno goduto di un grande interesse, ma Coinfloor vuole cambiare l’attuale sistema della liquidazione in contanti. L’exchange britannico vuole lanciare i primi contratti futures sul bitcoin consegnati fisicamente.

Il sistema della liquidazione dei contratti in contanti è stato criticato sia dai grossi investitori sia da alcune piattaforme di trading perché può essere manipolato troppo facilmente. Il prezzo degli indici o delle aste su delle borse spot può essere fissato a favore dei manipolatori.

La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) è stata sollecitata nel passato dai senatori della Agriculture, Nutrition and Forestry degli Stati Uniti per proteggere i contribuenti dalle “frodi, manipolazioni e pratiche abusive nei mercati dei futures e delle opzioni”.

 

Acquista bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Le criptovalute potrebbero avere un ente di autoregolamentazione a breve

I fratelli Winklevoss hanno lanciato una proposta di creare la Virtual Commodity Association, un’organizzazione di autoregolamentazione dell’industria delle criptovalute negli Stati Uniti.

In vista delle regolamentazioni sempre più stringenti intorno al settore delle criptovalute, Cameron e Tyler Winklevoss, i fondatori  dell’exchange delle criptovalute, Gemini, hanno proposto un quadro per l’autoregolamentazione del settore. In un blog post hanno descritto la classificazione legale del bitcoin come una commodities virtuale e poi hanno espresso il motivo per la crazione della VCA:

“Riteniamo che l’aggiunta di un ulteriore livello di supervisione sui mercati commodities delle monete virtuali, sotto forma di autoregolamentazione, sia importante per la protezione dei consumatori e per garantire l’integrità di questi mercati.”

L’associazione sarà una non-profit e provvederà il programma di regolamentazione soltanto per le commodities virtuali piuttosto che per i security tokens ai quali appartiene la maggior parte dei token in circolazione. Lo scopo della VCA sarà:

  • Promuovere mercati finanziari sicuri, responsabili e innovativi delle commodities attraverso un sistema degli standard sponsorizzati dal settore, le pratiche corrette e la supervisione che promuove la scoperta dei prezzi, l’efficienza e la trasparenza.
  • Incentivare l’individuazione e la deterrenza degli atti e delle pratiche manipolativi e fraudolenti, compresa la collaborazione con i regolatori e in particolare con la CFTC per condividere o riferire informazioni, a seconda dei casi.
  • Richiedere alle aziende associate di impegnarsi per iscritto, entrando in VCA, a gestire i loro mercati delle commodities virtuali in conformità con le Pratiche Sicure e fornire un programma di responsabilità basato sulle sanzioni per costringere la conformità dei membri.
  • Facilitare l’esame periodico dei membri e pubblicare una relazione che indichi se il membro aderisce ai suoi obblighi principali e si conforma alle Pratiche Sicure.
  • Imporre sanzioni concordate laddove i membri non rispettano le Pratiche Sicure
  • Interazione con i regolatori (come la CFTC o la SEC) e i legislatori e la loro educazione.

Le Pratiche Sicure saranno alla base dell’associazione e i suoi membri dovranno certificare annualmente la conformita con queste pratiche. I fratelli Winklevoss hanno delineate le seguenti Pratiche Sicure:

  • Gestione finanziaria responsabile
  • Trasparenza; Conflitti di interesse
  • Mercati basati sulle regole
  • Sicurezza cybernetica e informatica; Conservazione dei registri
  • Sorveglianza
  • Condivisione delle informazioni
  • Cooperazione con le autorità di regolamentazione
  • Analisi legale

La proposta arriva dopo che la Securities and Exchange Commission ha avvertito che sta esaminando con l’attenzione gli exchange e i wallet di criptovalute, minacciando di reprimere quelle piattaforme che non sono registrate presso la SEC:

“Se una piattaforma offre la negoziazione degli asset digitali che sono securities e opera come “un exchange “, come definito dalle leggi federali sui securities, la piattaforma deve registrarsi presso la SEC come un exchange dei securities nazionale o essere esentata dalla registrazione.” 

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Binance lancia una blockchain pubblica e un exchange decentralizzato

Martedì 13 marzo, l’exchange di criptovalute, Binance, ha annunciato il lancio della blockchain pubblica, Binance Chain, e di un exchange decentralizzato che verrà costruito su di essa.

Binance ha scritto un blog post nel quale spiega le ragioni dietro alla sua decisione:

“Dopo aver svolto delle ricerche approfondite sui framework degli scambi decentralizzati e analizzato le implementazioni esistenti, riteniamo che possono essere apportati dei miglioramenti significativi nel fornire agli utenti di Binance un livello di esperienza di trading a cui sono già abituati.”

Changpeng Zhao, il CEO dell’exchange ha twittato da parte sua:

Binance è uno dei maggiori exchange di criptovalute al mondo ed è attualmente al terzo posto per volume degli scambi giornalieri. La sua crescita maggiore l’ha avuta a gennaio, al punto da dover chiudere le registrazioni per un certo periodo di tempo.

In concomitanza con lo sviluppo dell’exchange, Binance ha lavorato anche ad altri sviluppi. La compagnia di Hong Kong ha appena completato il suo incubatore della tecnologia blockchain, Binance Labs,  Binance Info  (Codex) e altre componenti dell’ecosistema Binance.

L’anno 2018 vedrà il lancio di molti exchange decentralizzati. Altcoin.io che utilizzerà gli atomic swaps, Barter DEX di Komodo, Eosfinex e NEX tra tanti altri segneranno quest’anno come il più grosso tentativo di decentralizzazione degli exchange di criptovalute.

Binance crede che “gli exchange centralizzati e decentralizzati coesisteranno in un futuro prossimo completandosi mantenendo la interdipendenza”. 

Binance Chain, la blockchain pubblica, si concentrerà principalmente sul trasferimento e sulla negoziazione dei blockchain assets, oltre a fornire delle nuove possibilità per il futuro flusso di questi assets. Binance Chain si concentrerà selle prestazioni, facilità d’uso e sulla liquidità.

Il problema maggiore con i DEX odierni sono i volumi delle transazioni, ma Binance, molto probabilmente, non avrà questa preoccupazione. La coin di Binance, la Binance Coin (BNB), che è attualmente in uso sull’exchange e il cui utilizzo permette di risparmiare il 50% sulle commissioni delle transazioni, verrà aggiornata per esistere sulla propria blockchain mainnet, diventando una moneta nativa. Allo stesso tempo, Binance passerà dall’essere un’azienda a una comunità.

I DEX hanno anche difficoltà a integrare i metodi di pagamento (getaway) nelle valute fiat. Non è ancora molto chiaro come funzionerà l’exchange decenralizzato di Binance, ma sembra che esisterà a fianco dell’exchange centralizzato per avere un migliore accesso a questi getaway.

Subito dopo l’uscita della notizia il token BNB ha annotato un rialzo del 30% raggiungendo 11$ per BNB.

 

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Il Lighting Network di Bitcoin sorpassa 1000 nodi sul mainnet

Il 12 marzo, il Lightining Network di Bitcoin ha sorpassato 1000 nodi attivi sul mainnet. I dati provengono da un sito di monitoraggio che al momento della scrittura di questa notizia, ha contato 1003 nodi e 1893 canali di pagamento aperti.

Il più atteso dei cosiddetti miglioramenti “Layer 2” della rete Bitcoin, il Lightning promette le commissioni sulle transazioni e i tempi di conferma quasi allo zero. Il mainnet di Lightning Network non è ancora stato ufficialmente lanciato, ma gode già di un’ampia rete di entusiasti e di developers di Bitcoin sempre pronti ad adottare le nuove tecnologie.

Il testnet di Lightning Network ha lanciato a dicembre dell’anno scorso e ha avuto una crescita esponenziale in pochi mesi nonostante le figure importanti come ad esempio Elisabeth Stark, il CEO di Lightning Labs, hanno avvertito più volte che utilizzare il network non è sicuro e che esiste un alto rischio della perdita dei fondi.

Poche settimane fa, Peter Todd, lo sviluppatore di Bitcoin Core ha espresso su Twitter il suo giudizio piuttosto negativo sullo stato del progresso del lavoro:

“Impressioni iniziali sul Lightning sul testnet: c-lightning segfaults molto, e quando non va in crash i pagamenti falliscono il più delle volte. Scrivendolo in C – un linguaggio notoriamente pericoloso – non mi sembra una buona idea “

 

 

Malgrado le critiche e i tentativi di mantenre i toni bassi, sia l’entusiasmo che l’appetito per lo sviluppo di Bitcoin continuano a crescere senza sosta, con un sondaggio che suggerisce che gli sviluppatori hanno l’intenzione di dedicare “circa 1321 ore alla settimana” all’avanzamento del Lightning Network.

 

 

Anche Microsoft ha elogiato il Lightning Network come soluzione per la scalabilità “off-chain”, ammettendo che favorisce tali soluzioni piuttosto che quelle “on-chain” come ad esempio i blocchi più grandi proposti da Bitcoin Cash.

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

MoneroV sposta la data del hard fork e si rende più credibile

Il team dietro a MoneroV sposta la data del hard fork di sei settimane circa, dando come giustificazione “una domanda crescente e le aspettative più alte da parte degli utenti, degli exchange e delle grandi mining pools.” MoneroV ha dichiarato che la data dell’istantanea della blockchain verrà posticipata al 30 aprile o al blocco 1564965.

MoneroV è stato labellato da tanti come uno scam-fork di Monero per una serie di motivi più o meno validi.

Quali sono i motivi per cui MoneroV è considerato uno scam?

  1. La data del hard fork è stata inizialmente programmata per il 14 marzo mentre proprio a marzo capitava l’update della blockchain originale di Monero. Gli utenti e i developers di Monero hanno quindi accusato gli scissionisti di approfittare della possibile confusione delle date.
  2. MoneroV non ha finora previsto nessun supporto da parte di un exchange di criptovalute alzando la bandierina rossa degli utenti che, senza nessun exchange a supporto di MoneroV e della sua coin XMV, non potrebbero vendere le sue coin. Bitfinex ha recentemente twittato che, MoneroV non ha finora inviato i documenti necessari per la revisione dell’inclusione di XMV nella lista delle coin supportate.
  3. MoneroV ha dichiarato che si riserva il diritto di possedere il 10% delle XMV preminate
  4. Il team dietro a MoneroV è completamente sconosciuto
  5. MoneroV ha chiesto ai possessori di Monero di fornire le proprie chiavi private ai loro wallet e, mentre gli esperti del settore sanno ormai come fare per non perdere i fondi con gli hard fork, gli utenti inesperti si sono insospettiti

MoneroV non è un hard fork officiale di Monero, ma promette 10 XMV per ogni XMR posseduto nel wallet nel momento della presa dell’istantanea della blockchain Monero.

Dal suo ultimo blog post sul sito officiale risulta che il team ha preso in considerazione le accuse della comunità intorno a Monero e ha deciso di reagire prontamente per essere più credibile. MoneroV scrive nel post che il tempo che si prende spostando la data del hard fork dovrebbe servire a:

  • aiutare i cinque migliori exchange di Monero a listare XMV
  • aiutare le mining pools ad avere il tempo necessario per implementare MoneroV in modo che “MoneroV sia più stabile e robusto”
  • permettere agli utenti di avere il tempo per spostare XMR nel wallet Monero e sincronizzarlo
  • non creare confusione tra l’update di Monero e il hard fork
  • testare le procedure che serviranno a mitigare un problema che è stato sollevato riguardo alle ring-signatures e la diminuizione della privacy

 

Acquista Monero su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Uno dei motivi della diffidenza degli investitori era il problema della doppia spesa, ma MoneroV ha dichiarato che ha la replay protection che significa che le transazioni sulla blockchain Monero non potranno essere rifatte sulla blockchain MoneroV.

MoneroV cerca di proteggersi dagli scam avvertendo i potenziali utenti dei siti scam che promettono gli airdrop di ETH e di XMV. Il team anonimo dietro la coin giustifica anche la sua scelta di non rendere pubblico il codice sorgente del GUI MoneroV wallet per impedire i tentativi di phishing utilizzando un wallet GUI MoneroV clonato. “Questa è una pratica comune simile ai precedenti eventi degli hard fork importanti”, scrive MoneroV. Il codice sorgente di MoneroV, incluso il portafoglio della GUI MoneroV, il daemon MoneroV e tutte le altre dipendenze dall’account Github verranno pubblicati su Github dopo il hard fork e in un secondo momento verranno rilasciati in forma scaricabile.

I possessori di XMR saranno in grado di estrarre i loro XMV in qualsiasi momento in futuro utilizzando le credenziali di un portafoglio Monero vuoto basta che al momento della presa dell’istantanea vi erano presenti XMR.

 

 

Su Livecoin puoi acquistare Monero con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

 

Per Bitcoin Misery Index questo è un BUY signal

Questo è il momento giusto per comprare bitcoin o almeno così viene indicato da un nuovo indice Bitcoin Misery. L’indice è stato creato da un analista di Wall Street e il co-fondatore di Fundstrat Global Advisors, Thomas Lee.

“Quando il Bitcoin Misery Index è una ‘miseria’ (sotto 27), bitcoin vede le migliori prestazioni nei 12 mesi. Ogni anno viene generato un segnale “, ha spiegato Lee alla CNBC in un rapporto del venerdì. “Quando il BMI è a un livello di” miseria “, i rendimenti futuri sono molto buoni.”

Come funziona il Bitcoin Misery Index?

“Pensa a questo indice come a un modo per misurare quanto sei felice o triste a possedere bitcoin”

Il BMI tiene conto dei fattori quali il numero di scambi vincenti sul totale e la volatilità di bitcoin. Funziona come tanti altri indicatori che misurano il sentimento del mercato. Quando l’indice è basso, è un segnale Buy per l’investitore e vice versa.

 

Il Bitcoin Misery Index indica quattro punti di Buy nel passato e il quinto segnale Buy è stato il venerdì 9 marzo 2018

 

L’indice è costruito su una scala da 0 a 100. Per avere un segnale Buy forte l’indice del Bitcoin Misery deve essere il più basso possibile. La ‘miseria’ sotto i 27 punti indica un buon punto d’entrata con la posizione long. Al venerdì 9 marzo, il BMI era a 18.8 punti inviando un chiaro l’invito all’acquisto di bitcoin. Nonostante il ribasso del prezzo di bitcoin che ha avuto il suo minimo intorno a 6.000$, il minimo di venerdì è il segnale Buy più forte fin dall’agosto del 2011.

Secondo il Coinmarcetcap il prezzo del bitcoin è calato da un massimo di 11.681$ il 6 marzo, raggiungendo ieri il minimo di 8.600$. Un calo di circa 24% è avvenuto in coincidenza con alcune notizie negative che riguardano bitcoin e le criptovalute in generale.

Il 7 marzo, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione nella quale afferma che le piattaforme che possono essere qualificate come degli exchange di “security tokens” sono tenute a registrarsi presso l’agenzia come un exchange e lo stesso vale anche per i servizi wallet.

L’8 marzo, in Giappone sono state interrotte per un mese le attività di due borse di criptovalute e, nel contempo, le autorità giapponesi hanno emesso degli “avvisi di punizioni” per altre sette exchange.

Un colpo al sentimento degli investitori è stata una notizia di mercoledì che riguardava il defunto exchange di bitcoin Mt. Gox.  Il report rilasciato dal fiduciario fallimentare diceva che sono stati venduti circa 400 milioni di dollari in bitcoin e che ne rimangono altri da vendere.

Il Bitcoin Misery Index indica che, nel passato ci sono stati quattro segnali Buy forti: agosto 2011, novembre 2012, gennaio 2015, settembre 2016.

“E bitcoin era più alto un mese dopo”, ha detto Lee. “[L’indice] ci sta dicendo, che è davvero difficile possederlo [il bitcoin] per la prossima settimana o anche due settimane, tre settimane, ma stiamo superando questo.”

Mentre il BMI indica un segnale Buy nell’agosto del 2011 è possibile notare che il prezzo di bitcoin ha continuato a scendere nonostante non ci fosse più un segnale della ‘miseria’.

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Bitcoin: le carte di debito per i pagamenti in criptovaluta disponibili in Europa

La banca di criptovalute Wirex ha lanciato le prime carto di debito per i pagamenti con bitcoin. Le carte sono state lanciate inizialmente nel Regno Unito, ma alla fine di marzo dovrebbero essere disponibili nel resto della Comunità Europea.

Esiste un piano di lancio in Italia, Francia e Germania con la data fissata al 20 marzo e il 27 marzo Wirex espanderà l’attività anche al resto dell’Europa tranne l’Ukraina e la Russia.

Gli account saranno disponibili nelle tre valute principali: euro, dollaro e sterlina e in bitcoin.

Le carte di debito verranno presentate in due forme: nella forma plastica e in quella virtuale. Ci sarà anche una carta prepagata con le stesse funzioni delle prima. Le carte di debito supporteranno inizialmente la sterlina e in un secondo momento l’euro, mentre con le carte prepagate si potrà pagare anche in altre valute.

Chi vuole avere una carta di debito Wirex, può entrare sul sito della compagnia, registrarsi e accedere istantaneamente alla propria carta virtuale. Le carte vituali sono gratuite. Ordinare una carta di plastica richiede attualmente l’adesione a una lista di attesa. Secondo Wirex Community Manager, le persone su quella lista avranno la priorità.

Nonostante le carte offrano i pagamenti di criptovalute, vengono supportate da Visa e Wirex sostiene che è attualmente l’unico fornitore che offre agli europei l’opportunità di pagare dei beni e i servizi convertendo la criptovaluta.  Le carte supporteranno le transazioni 3D sicure “Verified by Visa”.

“La nostra azienda è l’unico fornitore in Europa che offre carte di debito che fanno delle criptovalute parte della tua vita quotidiana. Le spese nei negozi, l’acquisto di beni su Internet o il prelievo di denaro dagli sportelli automatici sono diventati molto più semplici. Siamo i primi al mondo a introdurre tali carte e ora siamo i primi ad integrare i conti in criptovaluta con carte di debito VISA senza contatto”

I titolari degli account Wirex potranno trasferire bitcoin tra di loro a costo zero. La società dice che la crittografia è stata migliorata e i commercianti possono godere di una maggiore libertà d’azione con un rischio di frode ridotto.

Successivamente, Wirex vuole espandere la propria attività anche all’Asia.

Wirex ha ricevuto un investimento di 3 milioni di dollari dall’investitore istituzionale giapponese – SBI Group che è anche l’investitore in Ripple.

 

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Puoi acquistare EOS su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Cina sta sviluppando la propria valuta digitale

Oggi, alla fine della sessione annuale del parlamento, Zhou Xiaochuan, il governatore della Banca Popolare Cinese (PBOC) ha parlato delle valute digitali.

Il 27 febbraio la Banca Centrale della Cinese ha affermato che sta studiando la questione della moneta digitale. Ci sono orari e tabelle di marcia per il lancio ufficiale della moneta digitale. Zhou ha risposto a una serie di domande e qui c’è la trascrizione (traduzione del cinese della versione orginale del comunicato stampa) della conferenza stampa.

Alla domanda posta da un giornalista: “Come vede il futuro dell’applicazione della moneta digitale?” il governatore Zhou ha risposto:

“Bisogna notare che la Banca Popolare della Cina ha iniziato a organizzare i seminari sulle valute digitali più di tre anni fa, poi è stato istituito l’Istituto di Ricerca sulla moneta digitale della Banca Centrale. L’ultima azione è quella di organizzare congiuntamente le attività di ricerca e lo sviluppo distribuito e fare l’affidamento sul mercato: un modo cooperativo per sviluppare la moneta digitale. Concettualmente, il concetto di valuta digitale nelle nostre menti non è lo stesso: il nome di R & S utilizzato dalle banche centrali è “DC / EP”. DC, valuta digitale, che è la valuta digitale, EP, pagamento elettronico, è pagamento elettronico. Che cos’è il pagamento elettronico? La cosa di pagamento è in realtà la cosa digitale trasmessa attraverso la comunicazione mobile o altro sistema di rete: non è una valuta cartacea, quindi il pagamento elettronico è anch’esso una proprietà della valuta digitale.

Perché connettere questi due? Dobbiamo prima chiarire uno scopo: studiare la valuta digitale non significa che il denaro sia utilizzato per ottenere l’applicazione di una determinata soluzione tecnica, ma essenzialmente il perseguimento della convenienza, della rapidità e del basso costo di un sistema di pagamento al dettaglio. Bisogna anche considerare la sicurezza e proteggere la privacy. Questi articoli possono essere basati sulla blockchain o sulla tecnologia di contabilità distribuita, valuta digitale basata su DLT [distributed ledger tochnology] o tecnologie che si sono evolute dai pagamenti elettronici esistenti. Allo stato attuale, esistono classificazioni preliminari del percorso tecnico per la valuta digitale nel mondo, indicando che potrebbe anche avere una varietà dei possibili sistemi. Va detto che lo sviluppo della moneta digitale non è solo un’inevitabilità dello sviluppo tecnologico: in futuro, potrebbe essere che le forme tradizionali della moneta cartacea e delle monete si ridurranno gradualmente, e potrebbero persino esistere un giorno, anche questa possibilità esiste.

Durante tutto il processo, dovremmo prestare attenzione alla stabilità finanziaria globale, la prevenzione dei rischi, mentre la moneta digitale come moneta è interessante, al fine di garantire che il meccanismo di trasmissione della politica monetaria delle politiche di stabilità finanziaria, e per proteggere i consumatori. Esistono alcune soluzioni tecniche che possono comportare rischi eccessivi e causare perdite per i consumatori in caso di problemi. In particolare, per le economie dei grandi paesi, dobbiamo evitare perdite così sostanziali e irreparabili, quindi dobbiamo stare attenti. In questo processo, dobbiamo passare attraverso test approfonditi e test locali. Dopo che sarà affidabile, lo promuoveremo. Nel 2017, la Banca Popolare ha organizzato un progetto di ricerca di denaro digitale e pagamenti elettronici, dopo l’approvazione formale da parte del Consiglio dello Stato, attualmente tutti i membri dell’organizzazione vanno avanti.

Tutti possono anche vedere sul mercato che la valuta digitale ha causato molte discussioni in certi aspetti e che ci sono anche molti rischi: i prezzi hanno visto molte fluttuazioni. Il motivo principale è che ci sono alcune applicazioni tecniche che non si concentrano sull’applicazione della moneta digitale nel pagamento al dettaglio, ma sono passate a transazioni di beni virtuali. Crediamo che bisogna stare più attenti nella virtuale attività di negoziazione, di scambio di asset virtuale dal punto di vista della Cina, non è in linea con i nostri prodotti finanziari e servizi finanziari al servizio della direzione dell’economia reale. Così, durante tutto il processo, non essere troppo ansiosi, costante sviluppo, e ordinato svolgimento del test, cogliere la direzione, per sottolineare i servizi finanziari per l’economia reale, migliorare l’efficienza, ridurre i costi, evitare che un prodotto diventi un’eccessiva speculazione. Proprio ora abbiamo presentato a tutti l’attuale piano di ricerca e sviluppo, che entrerà nella fase dei test quando sarà sviluppato in una certa misura. Questo è quello che posso dire ora. Grazie”

 

Agenzia Stampa Xinhua:

“Negli ultimi due anni, le piattaforme delle criptovalute come il finanziamento del Bitcoin ICO sono state un tema molto caldo. Abbiamo visto che la Banca Centrale e varie autorità di regolamentazione hanno preso una forte supervisione e raggiunto alcuni risultati iniziali. Quali sono le considerazioni a riguardo? Quale tipo di politica normativa introdurrà successivamente? Grazie”

Zhou Xiaochuan:

“Le misure che hai menzionato potrebbero essere state osservate da te, stai dicendo come pensare dietro le quinte. Prima di tutto, abbiamo appena risposto alle domande relative a questo, il che significa che la Banca Centrale ha iniziato a prestare l’attenzione alle nuove tecnologie nel campo della scienza e della tecnologia finanziaria, organizzato dei seminari e istituito istituti di ricerca. A questo proposito ha fatto molto lavoro e ha fatto molto allo stesso tempo. Lo studio del programma, che mostra per primo il nostro atteggiamento generale nei confronti della tecnologia. Allo stesso tempo, siamo anche molto preoccupati per l’applicazione della blockchain e della tecnologia di pagamento distribuito. Allo stesso tempo, pensiamo che questi R & D dovrebbero essere più prudenti: alcune cose come Bitcoin e alcuni altri prodotti di biforcazione sono troppo veloci e non prudenti: se vengono espanse o diffuse rapidamente, possono portare molto ai consumatori. Impatto negativo Allo stesso tempo, potrebbe anche avere effetti imprevedibili sulla stabilità finanziaria e sulla trasmissione della politica monetaria. Pertanto, riteniamo positivo studiare alcune cose nuove, ma oltre alla motivazione del mercato, dobbiamo anche considerare la situazione generale e la situazione generale, non dobbiamo scavare alcune lacune politiche e inventare eventi esplosivi.

Inoltre, prima di investire nell’operazione reale, è necessario considerare il rapporto con il consumatore e il rapporto con l’investitore. Pertanto, se il test non è sufficiente o se i risultati del test non sono ampiamente riconosciuti, una rapida espansione potrebbe causare alcuni problemi. Pertanto, dal punto di vista della Banca Centrale, il primo è l’arresto involontario dei prodotti, e alcuni prodotti promettenti devono anche essere testati, certificati e, in effetti, più affidabili da promuovere in seguito. Pertanto, abbiamo notato che la prassi della nostra banca centrale era quella di fermare l’ICO alla fine di agosto dello scorso anno, quindi abbiamo seguito da vicino le transazioni dirette tra Bitcoin e RMB. Inoltre, l’attuale valuta virtuale come Bitcoin viene utilizzata come strumento di pagamento al dettaglio come banconote, monete e carte di credito, al momento non la riconosciamo, il sistema bancario non accetta o fornisce servizi correlati.

La supervisione del futuro, prima di tutto, è molto dinamica, dipende dalla maturità della tecnologia, ma dipende anche dal test finale, dalla situazione di valutazione. Pertanto, questo dovrebbe essere considerato come ancora da osservare, né è necessario dire che tipo di misure normative saranno adottate a breve. Inoltre, come ho appena detto, considerando queste nuove tecnologie, dobbiamo essere chiari sulla direzione dei servizi: non ci piace l’idea di creare un prodotto speculativo e lasciare che le persone abbiano una fantasia notturna. Che cosa positiva, ma ha sottolineato la necessità di servire l’economia reale. Poiché si dice che si desidera utilizzare la valuta digitale, è necessario considerare la protezione che dà davvero ai consumatori, porta efficienza al mercato al dettaglio, porta a costi bassi e porta sicurezza e privacy. Inoltre, è necessario considerare la situazione generale, che non dovrebbe essere utilizzata per affermare che è in conflitto con l’attuale stabilità finanziaria e che è direttamente in conflitto con l’attuale ordine finanziario. Naturalmente, se si dice che lo sviluppo tecnologico porterà cambiamenti all’ordine finanziario originario, richiederà anche un’attenta ricerca e argomentazione prima che venga introdotta. Pertanto, in generale, lo sviluppo tecnologico è un processo dinamico: durante questo processo, le persone stanno gradualmente esplorando: nel processo di esplorazione, non si può dire che in futuro ci sarà qualche tipo di politica normativa. Per studiare questi problemi, la banca centrale collabora strettamente con i partecipanti al mercato e ascolta le opinioni del grande pubblico, in particolare dei media. Grazie”

 

Il corrispondente della Central People’s Radio:

“Dalla pratica degli ultimi anni, le innovazioni finanziarie come P2P e Bitcoin tendono ad essere piccole, ma lo sviluppo si è diffuso rapidamente. La mia domanda è: quale tipo di sistema o meccanismo per la supervisione dell’innovazione considereremo in futuro per garantire l’individuazione tempestiva di tali attività finanziarie e la prevenzione tempestiva dei possibili rischi? Grazie”

Zhou Xiaochuan:

“Va detto che questo è un nuovo argomento che è emerso di recente: in passato, il sistema finanziario è sempre stato molto ben bilanciato con l’innovazione tecnologica, e il sistema finanziario è sempre stato un fedele sostenitore e utente dell’innovazione tecnologica. Possiamo immaginare che dall’inizio dei primi anni dei computer, dall’inizio della cosiddetta ricostruzione del sistema di comunicazione precoce, dall’emergere delle telecomunicazioni, l’emergere delle reti di computer, si vede nel settore finanziario della comunità, banche, mercati dei titoli, sono il più grande computer Gli acquirenti sono anche utenti molto grandi di Internet. Il sistema finanziario era anche un utente di cloud storage in anticipo. Il primo sistema di archiviazione su larga scala dei dati dei clienti si è verificato nel sistema bancario. I nostri scambi finanziari, comprese le borse, sono tutte comunicazioni in rete, elaborazione ad alta velocità e data mining. Sono i più fedeli operatori di cloud computing.

Recentemente c’è stato un caso, ci sono un certo sviluppo tecnico del più veloce, con meno convenzionali come diretta conseguenza della applicazione della tecnologia, oltre che creano nuovi prodotti finanziari e di creare nuovi segmenti di mercato finanziario, questo approccio non è molto in passato. Dopo che la nuova tecnologia è uscita, l’hanno usata e in pratica hanno afferrato la direzione e l’ambito dell’applicazione. Ora ci sono alcuni nuovi, questa nuova cosa è che abbiamo prima impegnati a seguire da vicino insieme, e poi se v’è una nuova tecnologia messa immediatamente in uso, per diventare il nuovo prodotti finanziari o nuovo segmento di mercato di scambio finanziario, abbiamo Pensa attentamente. Secondo le regole attuali, devi presentare domanda per la domanda, la valutazione deve anche essere valutata e verrà condotta successivamente. Allo stesso tempo, sottolineiamo in particolare una delle cosiddette protezioni del consumatore e protezione degli investitori: dovresti prestare attenzione a queste cose e avrà una vasta gamma di effetti nella società.

Allo stesso tempo, dobbiamo anche rafforzare la formazione degli investitori o l’educazione dei consumatori. Dobbiamo sapere che per alcuni prodotti particolarmente nuovi, le persone non hanno toccato nulla, in passato non ne sapevano molto, devono imparare a pensarci e poi usarli, se si vuole usarli, si assumono i rischi a proprio rischio. Né è del tutto possibile per i regolatori gestire. Da un lato, la supervisione deve pensare a modi per imparare a stare al passo con la nuova situazione, d’altra parte, ci sono alcune regole che devono essere rispettate. Infine, è necessario aumentare la pubblicità e l’educazione per i consumatori e gli investitori e stabilire un atteggiamento responsabile. Grazie”

 

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Puoi acquistare EOS su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Dietro al grande calo del prezzo di bitcoin c’è Mt. Gox

Il crollo del prezzo di bitcoin, cominciato a partire dal 17 dicembre 2017 potrebbe essere causato da Nobuaki Kobayashi, il fiduciario fallimentare di Mt.Gox che ha venduto una grande quantità di bitcoin in cambio delle valute nazionali per rendere i soldi ai creditori di Mt.Gox.

Kobayashi ha rivelato che ha iniziato a vendere bitcoin alla fine di settembre, il che significa che è possibile che abbia venduto almeno alcune delle monete ai massimi raggiunti a dicembre.

Quasi il 90% del denaro dei 406.6 milioni di dollari (JPY 42,988,044,343) proviene dalla vendita di bitcoin (BTC), mentre il resto è in bitcoin cash (BCH). In totale sono stati venduti 35,841 BTC per 362 milioni di dollari e 34,008 BCH per 45 million di dollari.

Kobayashi ha affermato nel rapporto che era “necessario e ragionevole” vendere una parte di bitcoin e bitcoin cash al fine di “assicurare una certa quantità di denaro per le risorse di distribuzione”.

Ha aggiunto:

“Mi sono sforzato di vendere bitcoin e bitcoin cash al prezzo più alto possibile alla luce del prezzo del mercato di BTC e BCC al momento della vendita.”

Max Karpeles, l’ex CEO di Mt. Gox ha detto su Reddit che le criptovalute sono state “vendute tra dicembre 2017 e febbraio 2018 con l’assistenza di un exchange di bitcoin” aggiungendo:

“Ho detto al fiduciario fin dal primo giorno che qualsiasi vendita più ampia di BTC dovrebbe essere un’asta privata proprio come l’FBI ha gestito le monete del Silk Road e altri fondi confiscati. Il fiduciario ha fatto ciò che ha fatto, non ho il controllo sulle sue azioni se non per suggerire modi per fare le cose. La decisione finale è presa dal fiduciario fallimentare e dal tribunale.”

 

Gli spostamenti di bitcoin dal cold storage di Mt. Gox a un exchange di criptovalute

 

I movimenti di cui parla Karpeles sono visibili sulla blockchain di bitcoin. Vi è l’elenco completo dei trasferimenti dal cold storage con le date e gli orari delle transazioni. Il primo e il secondo trasferimento di 8000 BTC complessivi, coincide con il primo grande calo del prezzo di bitcoin che, da quasi 20 mila dollari ha fatto scendere il prezzo a un minimo di 11 mila dollari. Il 5 febbraio 2018 18.000 bitcoin sono stati trasferiti su un exchange e il giorno dopo abbiamo assistito al calo del prezzo di bitcoin fino a quasi 6 mila dollari.

 

Il grafico rappresenta il calo del prezzo di bitcoin dovuto alla vendita di bitcoin provenienti da Mt. Gox

 

Mt. Gox era il più grande exchange di bitcoin al mondo, ma nel 2014 ha rivelato di aver perso 850.000 bitcoin, per un valore di circa 500 milioni di dollari. L’azienda, che in seguito ha dichiarato di aver recuperato circa 200.000 bitcoin, ha accusato gli hacker della perdita.

Bloomberg riporta che le riserve di bitcoin della banca fallimentare ammontano attualmente a 166.344,35 BTC, circa 1,9 miliardi di dollari.

Kobayashi insiste che cercherà di raccogliere ulteriore liquidità dalle future vendite di BTC e BCC per rimborsare quasi 25.000 richieste di rimborso accettate dai creditori.

Kobayashi ha dichiarato:

“Ho l’intenzione di consultarmi con il tribunale e determinare ulteriori vendite di BTC e BCC.”

 

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com