Telegram utilizza bitcoin per alimentare la resistenza digitale

Nel tentativo di accedere alle chiavi crittografiche per combattere il terrorismo, il governo russo ha bandito Telegram dal momento che il CEO di Telegram, Pavel Durov, ha negato l’accesso alle chiavi crittografiche all’agenzia di sicurezza russa nonostante l’ordine del tribunale di Mosca del 13 aprile.

Il CEO Pavel Durov afferma che la privacy degli utenti dell’applicazione è la sua massima priorità. Aveva promesso a tutti i loro utenti il 100% della privacy e preferirebbe cessare di esistere piuttosto che cedere alle richieste dell’agenzia di sicurezza russa. 

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Dopo il divieto, la Russia ha bloccato oltre 15 milioni di indirizzi IP nel tentativo di bandire Telegram sul suo territorio, nonostante ciò finora non è stato notato un calo significativo del coinvolgimento degli utenti. Telegram sta attualmente utilizzando servizi cloud di terze parti per rimanere parzialmente disponibili per i propri utenti.

 

 

Telegram, il servizio di messaggistica crittografato, è spesso utilizzato in tutto il mondo per coloro che cercano i relativi livelli di privacy. In realtà, è una nota fonte di comunicazione per gran parte del Medio Oriente e per coloro che sono sottoposti a regimi politici piuttosto oppressivi.

Telegram utilizza bitcoin per alimentare la resistenza digitale

Di conseguenza, la Russia indica diversi atti terroristici sul suo territorio e in tutto il mondo, dove Telegram è stato accusato di svolgere un ruolo. E così le sue agenzie di sicurezza e di comunicazione hanno chiesto a Telegram di fornire un modo per i responsabili del governo di accedere alle informazioni degli utenti almeno nei casi di crimine.

Per rappresaglia, l’amministratore delegato di Telegram ha  annunciato che Telegram avrebbe utilizzato Bitcoin per finanziare i proxy socks5 e le VPN come possibili soluzioni alternative per i clienti russi per promuovere la sua campagna di resistenza digitale, un movimento decentralizzato per le libertà digitali e il progresso a livello globale. Spera che anche gli altri si uniscano a lui.

Resta sempre aggiornato sul mondo delle criptovalute e seguici su Telegram

Pavel Durov, sul suo canale Telegram, è stato visto estendere il suo sostegno alla resistenza digitale:

“Per sostenere le libertà di internet in Russia e altrove ho iniziato a distribuire sovvenzioni bitcoin a privati ​​e aziende che gestiscono proxy e VPN. Investirò milioni di dollari e spero che altri si uniscano alla mia causa “.

Durov ha fatto molti altri punti nel suo post; in primo luogo, ha ringraziato Apple, Google, Amazon e Microsoft per non aver “preso parte alla censura politica” – presumibilmente perché hanno tenuto Telegram disponibile per il download in Russia attraverso i loro app store. Ha anche affermato che i russi costituiscono il 7% dell’intera base di utenti di Telegram e se vengono forzati a ritirarsi dal servizio, la crescita organica di altre regioni sostituirà gli utenti persi in appena un paio di mesi.

Acquista le criptovalute su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

VeChain Thor e iTaotaoke proteggeranno l’identità intellettuale digitale degli utenti

 

In collaborazione con iTaotaoke, VeChain ha completato la produzione dei servizi di proprietà intellettuale digitale. Sebbene VeChain Thor ha tante applicazioni, il suo valore principale risiede nel fatto che rende il mondo autosufficiente – “La tecnologia blockchain dovrebbe aiutare il mondo in modo che non può migliorare se stessa”.

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

iTaotaoke è una piattaforma aperta per auto-editori e fornitori di contenuti in cui possono “costruire i loro workshop di condivisione delle conoscenze e monetizzare i loro contenuti”. In primo luogo, VeChainThor garantirà transazioni smart contracts e trasferimenti di valore proteggendo il contenuto, il monitoraggio dei contenuti e il caricamento.

VeChain Thor proteggerà i contenuti degli utenti

I creatori di contenuti non solo avranno strumenti migliori per produrre il loro lavoro, ma offriranno anche spazio a “servizi di segnalazione, protezione e monitoraggio senza attendibilità”. In questo servizio, la tecnologia blockchain viene utilizzata anche per l’autenticazione del copyright del contenuto.

Secondo iTaotaoke, questi servizi offrono un vantaggio competitivo in quanto hanno visto risultati positivi con la loro integrazione con WeChat. L’hosting decentralizzato protegge i contenuti creati e i creatori che utilizzano piattaforme di hosting video. Aumenterà anche la base di utenti di iTaotaoke in quanto consente risultati di marketing accurati che a loro volta facilitano il tracciamento che non può essere alterato.

Gli utenti hanno la possibilità di decidere se vogliono o meno che il loro contenuto sia registrato come “Proprietà intellettuale dell’autenticazione di prova dell’autenticazione del copyright”, prima di caricare un contenuto. iTaotaoke e VeChain hanno anche rilasciato una “Certificazione di autenticità”, che gli utenti possono scaricare.

 

Puoi acquistare VeChain su degli exchange tipo LivecoinBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Monero: l’hard fork che ha portato ai quattro nuovi progetti

Il 6 aprile 2018 Monero (XMR) ha completato con successo l’upgrade alla versione 7 del protocollo che aveva come scopo la protezione dai miners ASIC. L’upgrade della blockchain non è stato accolto da tutta la comunità intorno alla moneta anonima e gli hard fork hanno portato alla creazione di quattro nuovi progetti Monero.

L’upgrade della blockchain principale è stato annunciato su Twitter da Riccardo Spagni, il developer e il creatore di Monero 

 

e subito dopo dall’account Twitter principale della criptovaluta Monero

 

L’upgrade ha introdotto due cambi maggiori. È stata fatta una modifica del meccanismo di consenso Proof of Work per frenare una potenziale minaccia degli ASIC e per preservare la resistenza ad essi. È stata anche aumentata a 7 (mixin 6) la dimensione minima dell’anello (ring).

Non tutta la comunità era d’accordo con l’upgrade e alcuni hanno deciso di non farlo e di continuare con la catena della blockchain compatibile con i miners ASIC. Come risultato di questa disputa, al blocco 1546000 è stato creato l’hard fork che ha portato alla creazione di Monero-Classic (XMC). 

Allo stesso blocco sono state create anche altre due blockchain di Monero con altre caratteristiche e promesse differenti: Monero Classic, Monero Original (XMO) e Monero 0 (XMZ).

L’upgrade di Monero era stato pianificato già a marzo, quando Bitmain, la compagnia cinese che è il produttore principale dell’hardware ASIC, ha annunciato un nuovo prodotto specificamente sviluppato per estrarre Monero – l’Antminer X3.

La paura dei principali developers di Monero era quella della suppressione dei miners di piccole dimensioni che usano i computer domestici e altri dispositivi e della conseguente centralizzazione del mining basato esclusivamente sugli ASIC.

Mentre Monero (XMR) ha fatto l’upgrade alla versione 7, gli altri progetti sono rimasti sulla versione 6 del protocollo. Nonostante questo, tutte le versioni sono compatibili con una singola rete, usando la stessa moneta Monero solo che con i nomi e i loghi diversi.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Monero Classic

I creatori di Monero Classic si descrivono come degli entusiasti di Monero di Singapore e includono dei developers e “alcuni” miners come ha spiegato il rappresentante della nuova coin, Bento Tan, in un’intervista a Bitcoin Magazine.

“Il messaggio principale di Monero Classic è che crediamo che gli sviluppatori che cambiano la Proof of Work creano più centralizzazione e danneggiano il decentramento. Gli sviluppatori di Monero stanno dicendo che possono e cambieranno le regole del consenso ogni volta che vogliono e la comunità sembra essere condizionata a seguire i desideri degli sviluppatori. “

Monero-Classic (XMC)

Ci sono dei sospetti che questo fork è supportato da Bitmain in quanto è attivamente promosso da AntPool il cui proprietatario è lo stesso Bitmain. Il produttore dell’hardware ASIC avrebbe l’interesse nel continuare con la versione 6 della blockchain e per questo è considerato coinvolto in questo fork.

 

Monero 0 (XMZ)

Monero 0 è composto dai “massimalisti del Proof of Work” che dichiarano sul loro sito: 

“Abbiamo deciso che la strategia del fork continuo del Monero Project non è più una strategia stabile o sana. Riteniamo che la Proof of Work di Satoshi sia l’unico meccanismo per il consenso decentrato. I cosiddetti ‘aggiornamenti di rete’ che sono centralizzati dal Progetto Monero sono un cavallo di Troia progettato per compromettere l’efficacia della Proof of Work nella rete Monero. Monero 0 non è un fork; è il Monero originale. “

Monero Original (XMO)

Il developer principale di Monero Original ha dichiarato in un comunicato stampa inviato ai vari giornali online:

“Monero ha sempre avuto a che fare con la libertà di scelta, la diversità e la forte comunità che ne è alla base. Stiamo fornendo ai fan di Monero [con] la possibilità di supportare la moneta iconica e rimanere sulla catena originale. Il team originale di Monero rappresenta la diversità, che è un indicatore logico di evoluzione. Siamo entusiasti di vedere la nostra moneta preferita matura e siamo ancora più entusiasti di aiutare a mantenere questa diversità”.

L’exchange di criptovalute HitBTC ha dichiarato che supportera l’hard fork Monero Original (XMO).

“Ogni account che tiene XMR sul saldo al momento dell’hard fork riceverà automaticamente la quantità equivalente di XMO nel caso in cui il fork abbia luogo”.

 

Il tempo farà vedere se qualcuno degli hard fork riuscirà a porre una maggiore minaccia alla nuova versione della blockchain di Monero, guidata da Riccardo Spagni. È ancora presto per valutare l’impatto di questa spaccatura, ma il fatto che Monero ha creato così tanti fork non è sicuramente un segnale di una comunità forte e compatta.

Chiunque utilizzi Monero per motivi di privacy è consigliato di scegliere solo una catena e ignorare completamente le altre. Nonostante ciò, gli utenti che non usano altre catene potrebbero soffrire di una ridotta privacy. Questo perché mescolano le loro monete con quelle degli utenti che hanno rivelato quali monete possiedono, possono ridurre anche l’anonimato di altri utenti. Questo rischio aggiunto è probabilmente compensato dalla versione 7 del protocollo Monero grazie all’aumento delle dimensioni delle ring signatures.

Il 30 aprile è previsto un altro hard fork MoneroV. HitBTC ha annunciato che supporterà il fork.

 

 

Compra le criptovalute su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Come funziona Binance e come comprare bitcoin e token ICO

Binance è uno dei maggiori e più sicuri exchange di criptovalute, utilizzato da milioni di investitori in tutto il mondo e anche dalla maggior parte della crypto community italiana.

L’exchange è stato creato a luglio del 2017 dal developer Changpeng Zhao. La società di Zhao, la Beijie Technology, ha creato la piattaforma di trading di criptovalute dopo un successo della loro Initial Coin Offering (ICO) che ha raccolto 15 milioni di dollari e adesso, anche se tanto giovane, è proprio Binance a ospitare un impressionante numero di token ICO e ad essere la destinazione preferenziale dei traders internazionali.

Su Binance non puoi comprare le criptovalute con le valute tipo fiat e cioè con euro, dollari o un’altra valuta nazionale. Binance è un exchange esclusivamente cripto per cripto che vuol dire che puoi comprare i token o le criptovalute soltanto se ne possiedi già qualcuna.

Questa guida ti mostrerà come comprare bitcoin con dollari, come metterli su Binance, come comprare dei token con questi bitcoin e come prelevarli.

Perché scegliere Binance?

Binance è uno degli exchange più utilizzati al mondo e questo vuol dire che è il migliore per il trading di criptovalute. Le commissioni del 0.1% (che ulimamente sono state dimezzate al 0.05%) sono nettamente più basse rispetto ad altri exchange (Livecoin 0.18%, Coinbase 0.25%) e se si utilizza il token di Binance BNB per fare il trading, le commissioni vengono tagliate del 50%. Questo è molto importante per chi fa il trading intensivo perché permette di tagliare sul costo totale del trading. Le commissioni sul deposito sono pari allo zero mentre quelle sul prelievo delle criptovalute vengono aggiornate in accordo con le condizioni della blockchain. Su Binance puoi comprare non solo bitcoin e altre criptovalute principali, ma anche centinaia di token ICO.

Binance è considerato uno dei migliori exchange anche perché risponde tempestivamente alle preoccupazioni da parte dei clienti. Il CEO di Binance è molto attivo su Twitter e fornisce sempre gli aggiornamenti sugli sviluppi della piattaforma come anche sulle problematiche.

Binance è un exchange centralizzato e come tale rischia di essere soppiazzato dagli exchange decentralizzati (DEX) che sono sempre più popolari nella comunità dei criptotraders. Per ovviare a questo problema, Binance ha deciso di creare un proprio DEX sulla propria blockchain Binance Chain.

Come si usa Binance exchange?

Adesso ti mostreremo passo per passo come si usa Binance, come si deposita bitcoin, come si comprano le criptovalute con bitcoin e come si prelevano.

Vai su binance.com assicurandoti che è sempre questo l’indirizzo inserito. Dovresti vedere una schermata come questa. Per aprire l’account su questo exchange di criptovalute vai su “Create Account” o su “Register”

La pagina principale di Binance exchange di criptovalute

 

Vedrai la pagina della registrazione dove devi inserire l’indirizzo email, la password e poi devi confermare la password. Seleziona la casella “I agree to Binance’s Term of Use” e premi “Register”.

Registrazione account su Binance exchange di criptovalute

 

Vedrai che apparirà una finestra come questa qui sotto. È un puzzle che serve da sicurezza dell’account. Binance deve sapere che non sei un bot e invece del solito Captcha ti fa fare il puzzle.

Registrando l’account su Binance bisogna risolvere un puzzle

 

Bisogna trascinare il cerchio e mettere il puzzle nella posizione giusta.

Trascina il puzzle per entrare su Binance

 

Dopo che il puzzle viene piazzato al suo posto, appare un messaggio dove c’è scritto che bisogna confermare l’email che è stata inviata all’indirizzo email precedentemente fornito.

L’email di conferma dell’apertura dell’account su Binance exchange di criptovalute

 

Nell’email ci sono delle indicazioni su come evitare che qualcuno entri nel tuo account.

  • non bisogna dare la tua password a nessuno
  • non bisogna chiamare nessuno che dice di essere del Supporto Clienti di Binance
  • non bisogna inviare dei soldi a nessuno che dice di essere un membro di Binance
  • bisogna abilitare l’autenticazione 2FA per una maggiore sicurezza dell’account
  • bisogna fare l’attenzione se si visita www.binance.com e non un altro sito con un nome simile

Di seguito ti faremo vedere come si abilita l’autenticazione 2FA tramite l’applicazione Google Authenticator

Una volta che premi il bottone “Verify Email” potrai fare il “Login” nel tuo account Binance.

Fai il login al tuo trading account su Binance

 

Una volta che fai il “Login” dovrai di nuovo rifare il puzzle e sarà così ogni volta che vorrai accedere al tuo acount. Se fai il login dal cellulare ricordati di premere velocemente due volte il bottone giallo del login altrimenti il puzzle non apparirà.

Dopo il login vedrai di nuovo una schermata con delle avvertenze riguardanti la sicurezza del tuo account. Purtroppo gli exchange di criptovalute cadono spesso vittime degli attacchi hacker e gli investitori vengono continuamente sottoposti ai tentativi di phishing quindi Binance ti avverte di non installare dei plug-in che dicono di essere associati con Binance, di non dire a nessuno la tua password, il codice dell’autenticazione SMS o la chiave del Google Authenticator e di non fidarti di nessuno che dice di far parte di Binance.

L’avvertimento dei tentativi di phishing

 

Per depositare i fondi devi andare nella pagina dei “Funds” che si trova nella parte superiore della schermata.

Deposito fondi su Binance

 

Per fare il trading su Binance devi essere già in possesso delle criptovalute o dei token perché sono gli unici che puoi depositare. Binance non accetta le valute nazionali. Se non hai mai acquistato una criptovaluta, ti consigliamo di leggere questa guida agli exchange di criptovalute dove è possibile comprare bitcoin senza la verifica dell’account. Abbiamo anche una guida dedicata al funzionamento di uno di questi exchange – Livecoin.net.

Parliamo sempre dell’acquisto di bitcoin perché tutte le criptovalute e tutti i token ICO sono sempre in coppia con bitcoin quindi bitcoin ti servirà per comprare altre criptovalute e token ICO.

Una volta che hai acquistato bitcoin su un’altro exchange, dal menù a tendina devi scegliere bitcoin come valuta da depositare. Vedrai l’indirizzo alfanumerico al quale devi inviare bitcoin da un’altro exchange a Binance.

Deposito bitcoin su Binance exchange

 

Una volta che avrai fatto il deposito, puoi verificare se hai recevuto i tuoi fondi andando nei “Funds” e poi “Deposit/Withdrawal History”. La transazione in bitcoin non è istantanea e qualche volta ci vorrà qualche ora prima che appaia sul tuo account.

Lo storico dei depositi su Binance

 

Una volta che hai ricevuto bitcoin puoi cominciare a comprare altre criptovalute o token ICO. Devi andare su “Exchange” che si trova vicino al logo Binance e poi “Basic”.

La schermata principale del trading view

 

Adesso devi scegliere la criptovaluta o token ICO che vuoi comprare. Sulla tua destra vedrai quattro possibili coppie di criptovalute. Le coppie con BTC, ETH, BNB e con USDT. Non tutti i token esistono in tutte e quattro coppie. Ad esempio litecoin è in coppia sia con bitcoin che con ethereum, bread e con il dollaro. (LTC/BTC, LTC/ETH, LTC/BNB, LTC/USDT).

Noi scegliamo di comprare il token EOS quindi andiamo su EOS/BTC perché lo compreremo con bitcoin. Se avevamo ethereum dovevamo scegliere la coppia EOS/ETH. Una volta scelta la coppia, apparirà anche il grafico e il libro degli ordini alla sinistra dello schermo.

Acquistare un token con bitcoin su Binance

 

Esistono due metodi d’acquisto sull’exchange di criptovalute Binance:

  1. L’acquisto “Limit” – è un ordine che stabilisce il massimo o il minimo al quale si è disposti ad acquistare o vendere una determinata valuta.
  2. L’acquisto “Market” – il tuo ordine d’acquisto verrà eseguito contro l’ordine di prezzo di vendita più basso disponibile sul mercato in quel punto per quella determinata quantità. Consente di comprare una criptovaluta istantaneamente.

Come piazzare un ordine Limit Buy o Sell su Binance

Comprare EOS su Binance con l’ordine Limit Buy

 

In questo specifico caso presentato sull’immagine qui sopra, l’ultimo prezzo di scambio di 1 EOS è pari a 0.00080230 BTC. Se sei convinto che il prezzo di EOS sta per andare su, allora devi effettuare un ordine d’acquisto “Limit” al prezzo  0.00080336 BTC che è superiore dell’ultimo prezzo negoziato e del prezzo di mercato. L’ordine verrà eseguito quando incontrerà un ordine di corrispondenza o migliore (vendita) per la quantità specificata.

Allo stesso modo, possiamo porre un ordine di vendita limitato “Limit Sell” a 0,00080336 BTC che è superiore dell’ultimo prezzo negoziato e del prezzo di mercato. L’ordine verrà eseguito quando incontrerà un ordine di abbinamento o migliore (acquisto) per la quantità specificata.

L’ordine potrebbe non essere eseguito immediatamente e fino a quando non verrà eseguito è mostrato nella scheda “Open Orders” nella quale può essere annullato in qualsiasi momento.

Diversamente dall’ordine di mercato in cui non abbiamo alcun controllo sul prezzo al quale l’ordine verrà eseguito, l’ordine Limit garantisce che noi paghiamo/riceviamo esattamente lo stesso importo o migliore di quello che abbiamo dichiarato e che l’ordine non verrà eseguito finché non trova un abbinamento/ordine migliore.

 

Come piazzare un ordine Market Buy su Binance

Acquisto dei token EOS con l’opzione Market Buy

 

Nella situazione di cui sopra, se piazzi un ordine d’acquisto di 100 EOS al prezzo di mercato vuol dire che andrai a comprare:

24 EOS al prezzo 0.00080122 BTC

46 EOS al prezzo 0.00080127 BTC

30 EOS al prezzo 0.00080133 BTC

Il prezzo medio dell’acquisto di 100 EOS sarà 0.00080127 BTC.

 

Come piazzare un ordine Market Sell su Binance

Vendita di EOS con l’opzione Market Sell su Binance exchange

 

Nell’opzione Marker Order, il tuo ordine “Sell” verrà eseguito rispetto all’ordine di prezzo di offerta più alto disponibile sul mercato in quel punto per quella determinata quantità.

Nella situazione vista sull immagine di sopra, per vendere 100 EOS dovrai venderli nel modo seguente:

9 EOS al prezzo 0.00079982 BTC

7 EOS al prezzo 0.00079961 BTC

84 EOS al prezzo 0.00079902 BTC

Il prezzo medio della vendita dei tuoi 100 EOS sarà 0.0007996 BTC.

Inviare un ordine di mercato è il metodo più veloce per l’esecuzione di una transazione. È vantaggioso per i traders che prevedono di tenere i token per i periodi lunghi perché in tal caso pochi punti di differenza nel prezzo non hanno un grande impatto sul prezzo.

Questo è lo strumento meno preferito per i traders giornalieri in quanto fornisce un controllo minimo o inesistente sul prezzo a cui verranno eseguite le transazioni e pochi punti nel prezzo possono avere un effetto enorme.

 

Come impostare un ordine Stop-Limit

 

L’impostazione dei limiti Sell su Binance

 

La volatilità nel mercato delle criptovalute è talmente alta che un cambio brusco nel prezzo potrebbe portare a una grossa perdita del capitale iniziale che hai inserito.

Per garantire la sicurezza del capitale iniziale o per impostare un importo minimo di un profitto c’è l’opzione Stop limit.

Uno Stop limit order o meglio conosciuto come lo Stop-Loss nel mercato azionario è uno strumento inestimabile per sfuggire alle incertezze del mercato.

Se prendiamo in considerazione la situazione visibile sull’immagine, vedremo che l’ultimo prezzo scambiato è 0.0007999 EOS/BTC. Se tu in precedenza hai acquistato EOS e vuoi assicurare il tuo capitale contro il calo del prezzo eccessivo, dovrai impostare un prezzo minimo al quale i tuoi token dovranno essere venduti. Per fare questo devi impostare lo “Stop” al di sotto del prezzo al quale hai acquistato EOS.

Possiamo fissare il prezzo limite sopra o sotto il prezzo ‘Stop’ come dalla tua comprensione e l’analisi del mercato. Ciò garantirà certezza di profitti e capitale in un mercato ribassista.

 

Come si prelevano i fondi da Binance

Se sei un nuovo utente su Binance e vuoi fare il prelievo dei tuoi fondi, devi impostare prima un’autenticazione a due fattori la cosidetta 2FA. Questo serve per la sicurezza del tuo account e siccome Binance ci tiene alla sua reputazione, ogni utente è forzato a impostare un secondo livello di sicurezza oltre alla password. Puoi scegliere se vuoi fare la 2FA tramite un’applicazione di Google Authenticator o tramite un SMS. Noi riteniamo che l’autenticazione tramite l’app di Google è più sicura e per questo ti guideremo alla sua impostazione.

Binance ti ricorda che bisogna mettere al sicuro i tuoi fondi

 

Una volta che avrai premuto Google Authenticator, vedrai una finestra che ti invita a fare il download dell’applicaziano sul tuo telefono.

 

Scarica l’applicazione Google Authenticator per impostare l’autenticazione 2FA

 

L’applicazione è molto semplice in uso. Basta che fai + per aggiungere un nuovo codice e poi piazzi la tua videocamera di fronte al codice QR visualizzato su Binance. Google Authenticator farà lo scan del codice QR e aggiungerà un nome “Binance”. Vedrai 6 numeri che si cambieranno ogni minuto. Per adesso non devi fare nulla con quei numeri.

Scannerizza il codice QR visualizzato su Binance utilizzando l’app Google Authenticator

 

Devi scrivere la chiave di Google Authenticator in un blocco note o in un altro posto sicuro. Questo codice ti servirà nel caso perdessi il telefono o l’accesso all’applicazione. Questo codice è molto importante quindi bada bene ad averlo salvato in un posto sicuro.

Scrivi in un blocco note la chiave di Google Authenticator

 

Nell’ultima schermata dovrai scrivere la chiave che hai appena visto, la password del tuo account e il codice a 6 cifre che vedi nell’applicazione Google Authenticator. Ogni volta che accederai al tuo account dovrai inserire 6 nuove cifre che ti verranno date da Google Autheticator.

Imposta il Google Authenticator per il tuo account su Binance

 

Adesso puoi prelevare i tuoi fondi. Devi scegliere il token o la criptovaluta che vuoi prelevare, inserire l’indirizzo di destinazione che può essere un wallet o un altro exchange e la quantità dei token da prelevare. Fai “Submit” e la tua transazione verrà eseguita.

Prelievo dei token EOS da Binance

 

Tutto ciò che è stato descritto in questa guida serve come base per comprare e vendere i token ICO e le criptovalute sull’exchange Binance. Se vuoi, puoi anche utilizzare il grafico avanzato con degli strumenti di analisi tecnica che serve sempre per vedere la direzione del trend e per avere dei segnali su un possibile punto d’entrata o d’uscita.

Binance è intuitivo e una volta che ci prenderai la mano tutto diventerà facile e anche l’utilizzo di altri exchange non sarà più un problema.

Binance è l’exchange di scambio di criptovalute con criptovalute più consigliato in tutto il mondo e ultimamente ha anche annunciato che vuole trasferire la sua sede a Malta per poter accettare i pagamenti nelle valute fiat.

 

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Puoi acquistare EOS, bitcoin e altre criptovalute e token su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Immagini di abusi su minori trovate nella blockchain di bitcoin

I ricercatori della RWTH Aachen University in Germania sostengono di aver scoperto 274 link ai siti sulla pornografia infantile mentre investigavano i dati non finanziari che sono stati archiviati nella blockchain di Bitcoin.

Ricercatori tedeschi hanno scoperto che persone sconosciute usano la blockchain di Bitcoin per archiviare e collegare le immagini di abusi sui minori, mettendo potenzialmente in pericolo la criptovaluta. I risultati della ricerca sono stati pubblicati in un articolo.

La blockchain è il libro mastro distribuito open source che registra ogni transazione bitcoin, ma può anche memorizzare piccoli bit di dati non finanziari. Questi dati sono in genere note sul commercio di bitcoin, registrando a cosa servivano o altri metadati. Ma può anche essere usato per memorizzare collegamenti e file.

I ricercatori della RWTH Aachen University, in Germania, hanno scoperto che circa 1.600 file erano attualmente archiviati nella blockchain di Bitcoin. Di questi almeno otto erano di contenuto sessuale, tra cui una che potrebbe essere un’immagine di abuso sui minori e due che contengono 274 link a contenuti di abuso dei minori, 142 dei quali sono dei link ai servizi di dark web.

“La nostra analisi mostra che determinati contenuti, ad esempio la pornografia illegale, possono rendere illegale il semplice possesso di una blockchain”.

“Sebbene le sentenze dei tribunali non esistano ancora, i testi legislativi di paesi come la Germania, il Regno Unito o gli Stati Uniti suggeriscono che contenuti illegali come le immagini di abusi sui minori possono rendere illegale la blockchain per tutti gli utenti.”

“Questo mette in pericolo in particolare i mercati multimiliardari che alimentano criptovalute come bitcoin”.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Sebbene l’utilizzo di bitcoin non richieda necessariamente una copia della blockchain, alcuni processi, come il mining richiedono il download dell’intera blockchain.

“Dal momento che tutti i dati della blockchain vengono scaricati e memorizzati in modo persistente dagli utenti, essi sono responsabili per gli eventuali contenuti discutibili aggiunti alla blockchain da altri. Di conseguenza, sarebbe illegale partecipare a un sistema basato sulla blockchain non appena contenga contenuti illegali “, hanno scritto i ricercatori.

Poiché il mining è essenziale per la funzione di bitcoin, avere dei contenuti illegali come le immagini degli abusi sui minori all’interno della blockchain potrebbe causare dei problemi significativi per la valuta.

“Prevediamo un alto potenziale per il contenuto illegale sulla blockchain per mettere a repentaglio sistemi basati sulla blockchain come bitcoin in futuro”, hanno scritto i ricercatori.

Non è la prima volta che vengono emessi avvisi sulla possibilità di memorizzare dati non finanziari all’interno della blockchain. Interpol ha lanciato un avviso nel 2015 affermando che “il design della blockchain significa che esiste la possibilità che il malware venga iniettato e permanentemente ospitato senza metodi attualmente disponibili per cancellare questi dati”.

L’agenzia ha avvertito che la tecnologia potrebbe essere utilizzata nella “condivisione di immagini di abusi sessuali su minori in cui la blockchain potrebbe diventare un rifugio sicuro per ospitare tali dati”.

Ma questa è la prima volta che tale contenuto è stato effettivamente dimostrato, creando un dilemma morale e legale attorno al possesso e alla blockchain.

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Documenti segreti rivelano che gli utenti di bitcoin erano tracciati dalla NSA americana

È già da tempo che girano le voci su chi veramente ha creato bitcoin. L’identità di Satoshi Nakamoto, il creatore anonimo di bitcoin, è stata attribuita a diverse persone e organizzazioni trai quali anche alla National Security Agency (NSA) americana. Nonostante tante di queste teorie spesso complottiste non sono mai state confermate, dagli ultimi risvolti risulta che la NSA ha un collegamento con bitcoin.

Il 20 marzo, Edward Snowden, l’ex dipendente della CIA, ha fornito dei documenti che mostrano che la National Security Agency ha lavorato per identificare gli utenti di bitcoin in tutto il mondo e ha maneggiato almeno una misteriosa fonte di informazioni per “aiutare a rintracciare i mittenti e i destinatari di bitcoin”.  Secondo un rapporto segreto della NSA risalente al marzo del 2013, risulta che l’agenzia ha sfruttato un programma che probabilmente fungeva da un VPN con la caratteristica di offrire l’anonimato agli utenti per raccogliere e analizzare il traffico Internet grezzo e globale.

La priorità numero uno dell’agenzia era tracciare bitcoin anche se pure le altre criptovalute sono state sottoposte al monitoraggio.

I documenti segreti pubblicati da The Intercept indicano che il rintracciamento degli utenti di bitcoin è andato ben oltre l’esame approfondito del libro mastro delle transazioni pubbliche di bitcoin, noto come la blockchain.

Sulla blockchain chiunque può vedere il flusso di bitcoin da indirizzo a indirizzo. Questa informazione non può identificare nessuno perché gli indirizzi sono solo dei numeri casuali. Tuttavia, se un qualsiasi indirizzo delle transazioni del passato o del futuro può essere associato a un’identità reale, potrebbe essere possibile lavorare da quel punto e indovinare chi può possedere tutti gli altri indirizzi.

L’evidenza fornita dai documenti mostra che il tracciamento potrebbe anche avere comportato la raccolta dei dettagli privati dai computer degli utenti sottoposti a monitoraggio. La NSA ha raccolto le informazioni sulla password di alcuni indirizzi bitcoin, l’attività su Internet e il numero identificativo univoco del dispositivo noto come l’indirizzo MAC, come suggerito in un memo della NSA del 29 marzo 2013. Oltre a questo, gli analisti hanno anche discusso il rilevamento degli indirizzi Internet degli utenti, delle porte di rete e dei timestamp per identificare gli “Obiettivi Bitcoin”. ” Avendo dei dati a disposizione come “le informazioni di fatturazione e gli indirizzi IP” è stato possibile mettere un nome a un determinato utente di bitcoin.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account

Le operazioni di spionaggio degli utenti di bitcoin sono state realizzate tramite un programma denominato con un nome in codice Oakstar che è una rete di aziendali con le partership segrete. Oakstar consentiva alla NSA di monitorare le comunicazioni e raccogliere i dati via Internet mentre viaggiavano lungo i cavi in ​​fibra ottica.

Apparentemente, nel 2012 è stato creato e promosso online un software Monkeyrocket che offriva la protezione della privacy durante la navigazione su Internet. La NSA ha utilizzato questo presunto software VPN per ricevere i dati sui movimenti in rete degli utenti di bitcoin.

Nei documenti viene notato che parte della “strategia a lungo termine” per Monkeyrocket era “attirare gli obiettivi del terrorismo, [incluso] Al Qaida” sull’uso di questo “prodotto di navigazione”, che “la NSA può poi sfruttare”. Il programma aveva una vasta base dei clienti in Iran e in Cina, ma raccoglieva i dati anche dai clienti situati nel Medio Oriente, in Europa, nel Sud America e in Asia.

La diffusione di quest notizia potrebbe creare la diffidenza nei confronti dei software per la privacy. Questo “alimenta una narrativa che gli Stati Uniti sono inaffidabili”, ha affermato Johns Hopkins dell’University Information Security Institute. “Questo mi preoccupa”.

La NSA ha anche spiato sui gruppi di persone che utilizzavano il livello di anonimato consentito dalle transazioni bitcoin per scopi clandestini, come le attività di riciclaggio di denaro. La sorveglianza della blockchain di bitcoin ha permesso alle spie americane di rompere un sito di riciclaggio del denaro sporco, la Liberty Reserve, e presumibilimente, anche del mercato nero della droga, la Silk Road.

 

Compra bitcoin su uno dei seguenti exchange LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Guida: Come comprare bitcoin e le criptovalute su un exchange

Comprare bitcoin o altre criptovalute non è una cosa facile per qualcuno che non l’ha mai fatto e per questo abbiamo creato questa guida che vi spiega passo per passo come e dove acquistarli.

Scegliere un exchange di criptovalute appropriato è un passo importante perché influisce sul costo totale delle vostre transazioni. Una piattaforma di scambio di criptovalute deve essere sicura, ma ci sono anche altri fattori che influiscono sulla scelta.

Cosa prendere in considerazione quando si sceglie un exchange?

  1. La verifica dell’account
  2. I metodi di pagamento
  3. Le commissioni e lo spread
  4. Il prezzo di criptovalute
  5. La quantità di criptovalute
  6. Le coppie di criptovalute

 

  1. La verifica dell’account è la parte più noiosa di tutto il processo che porta all’acquisto di bitcoin o di altre criptovalute. Oggigiorno, quasi tutti gli exchange chiedono un documento d’identità, un documento che possa provare l’indirizzo della residenza e certe volte anche un foglio che attesti il possesso di un conto bancario. Ci sono tanti exchange trai quali scegliere e quelli che riteniamo i migliori sono elencati nella nostra guida agli exchange di criptovalute, ma se non vuoi fare la verifica dell’account che, non solo è noiosa, ma certe volte dura anche due mesi, ti consigliamo uno di questi exchange dove è possibile comprare le criptovalute senza documenti e senza nessuna verifica. Li abbiamo provati, li usiamo e sono tutti validi.
  2. Il metodo di pagamento è importante perché ti permette di entrare ed uscire con le valute tipo fiat (euro, dollaro, sterline, ruble…) con facilità. La velocità del finanziamento dell’account è da prendere sotto considerazione in quanto il prezzo potrebbe cambiare di molto se si aspetta un bonifico per uno o due giorni. Oltre ai bonifici bancari sono disponibili i pagamenti con le carte di credito o con gli e-wallet tipo Skrill, PayPal etc. È bene scegliere l’exchange che ha diversi metodi di pagamento. BitPanda ne ha diversi (bonifico bancario SEPA, Euro Wallet, Skrill, Neteller, carte di credito Visa e MasterCard, bonifico Giropay/EPS) e la verifica dell’account è istantanea, ma l’offerta delle criptovalute è limitata a quelle con la capitalizzazione del mercato più alta.
  3. Le commissioni sono più o meno uguali su diversi exchange e dipendono dal tipo di token o di criptovaluta che si compra. Se sei quello che compra a lungo termine, la commissione non ha tanta differenza, ma se vuoi fare il trading intensivo, conviene scegliere l’exchange con le commissioni più basse possibili. In quel caso anche lo spread (la differenza tra il prezzo dell’acquisto e il prezzo della vendita) deve essere il più basso possibile. Gli exchange raramente contano le commissioni sui depositi, ma le applicano ai prelievi. Gli exchange grossi come Binance o Coinbase riescono a mantenere lo spread basso perché i volumi delle transazioni sono alti, mentre quelli più piccoli cercheranno magari di attirare i clienti con le commissioni vicine allo zero, ma lo spread talmente alto da rendere il trading giornaliero molto costoso.
  4. Il prezzo di criptovalute su un exchange può essere visto in due modi. Il prezzo di bitcoin basso può essere un vantaggio o uno svantaggio e dipende tutto da ciò se si vuole vendere o comprare bitcoin. Di solito si cerca una piattaforma che offre il prezzo d’acquisto minore rispetto alle altre, ma quando si vende anche il prezzo di vendita è minore. La cosa migliore da fare è comprare bitcoin lì dove il prezzo è più conveniente (Coinbase, Binance o Livecoin) e vendere su un exchange dove il prezzo è più alto di tutti (LocalBitcoins, HitBTC, Exmo o Cex.io). La differenza nel prezzo al momento della scrittura di questo articolo è di 300$ ma può essere anche di 1000$ e se si vende su LicalBitcoins la differenza è ancora più marcata perché può essere superiore anche a 2000$. Questa attività di compravendita su vari exchange viene denominata arbitraggio ed è un fenomeno molto comune nel mondo delle criptovalute.
  5. L’exchange di prima scelta per l’acquisto di bitcoin con le valute fiat è Coinbase, ma è molto limitato perché offre soltanto bitcoin, bitcoin cash, litecoin ed ethereum. È per questo che gli investitori interessati in compravendita di altre criptovalute o altri token preferiscono spostare poi i fondi o su Binance, HitBTC, Livecoin o su Cryptopia. Queste tre piattaforme di trading offrono centinaia di token differenti e hanno i volumi alti permettendo il trading veloce e fluido.
  6. La differente disponibilità delle principali coppie di criptovalute gioca un ruolo importantissimo perché permette di ridurre il numero delle transazioni per comprare un dato token, ridurre il costo delle commissioni e dello spread e di scegliere la coppia più conveniente. Ad esempio Livecoin è il migliore sotto questo aspetto perché é l’unico exchange che offre l’acquisto di bitcoin nelle seguenti coppie fiat: BTC/USD, BTC/EUR, BTC/RUR. Oltre al bitcoin, sono state create anche le coppie di ethereum, litecoin, monero e altre.

 

In questo articolo andremo a mostrare come utilizzare un exchange di criptovalute e come comprare bitcoin. L’acquisto di altri token sarà poi un percorso molto simile con la differenza che bisognerà scegliere la coppia desiderata. L’exchange di nostra scelta è Livecoin.net.

Su Livecoin si può comprare le criptovalute o con euro o con dollari e senza dover verificare l’account. La registrazione è istantanea e si può cominciare a comprare subito. La commissione sulla transazione è del 0.18% che è nettamente più bassa rispetto a quella di Coinbase (0.25%). Ci sono tante coppie differenti e centinaia di token trai quali scegliere. I metodi di pagamento sono: Capitalist, Payeer, Perfect Money, Advcash e Qiwi e quello utilizzato da noi è Payeer. Livecoin ha lo spread che è più alto rispetto a Coinbase, ma nettamente più basso rispetto a Kraken o altri exchange. È un exchange che per tanti aspetti è una via di mezzo mentre per altri è superiore e più vantaggioso. Già il solo fatto che ci si può registrare senza dover fornire i documenti è un vantaggio enorme. Se vuoi sapere di più su Livecoin o su altri exchange da noi consigliati, ti invitiamo a leggere: 7 exchange per comprare bitcoin, criptovalute e token.

Come comprare bitcoin su un exchange di criptovalute

Adesso ti guideremo passo per passo all’acquisto di bitcoin a cominciare dalla registrazione dell’account su Livecoin fino al prelievo. Se preferisci comprare ethereum, litecoin o un’altra criptovaluta i passaggi saranno uguali.

La registrazione dell’account su Livecoin è facile e veloce proprio perché non serve verificare il conto attraverso l’invio dei documenti. L’unica cosa di cui avrai bisogno sarà la tua username, la password e l’email. La password deve avere almeno 12 caratteri, almeno una lettera maiuscola, almeno una lettera minuscola e almeno un numero.

 

La registrazione dell’account su Livecoin.net

 

Dopo che compili i campi riceverai un’email di conferma con un codice. Bisogna copiare questo codice e incollarlo nella casella di testo.

 

Il codice di conferma va inserito in questo campo

 

Successivamente ti verrà chiesto un codice pin. Bisogna scegliere un pin a 4 cifre e scriverlo in un posto sicuro per non dimenticarlo e per avere l’accesso all’exchange nel caso si dimenticasse la password.

 

 

Una volta che avrai completato tutti i passaggi, verrai portato alla schermata principale dove saranno visibili tutte le criptovalute e il grafico.

 

La schermata principale di Livecoin exchange

 

Adesso bisogna caricare l’account con delle valute fiat (euro o dollari). Vai su “Deposit”o posizionato nella parte superiore della schermata.

É possibile caricare tre valute fiat (euro, dollari e ruble) e le criptovalute. Noi abbiamo i dollari e quindi depositiamo quelli segliendo “Depositi” sulla linea di USD.

 

Deposito di valute tipo fiat su Livecoin

 

Si aprirà una pagina dove vedrai i principali metodi di deposito: Capitalist, Payeer, Perfect Money, Advcash, Quiwi. Ciascuno di questi metodi ha una commissione sul deposito differente. Bisogna aprire un account su uno di questi e-wallet. Apertura dell’account è facile e veloce e il conto può essere caricato utilizzando una carta di credito o tramite un bonifico bancario. Noi utilizziamo Payeer e quindi nell’apposito campo inseriamo la cifra con la quale vogliamo caricare il nostro conto su Livecoin.

 

Su Livecoin è possibile depositare con Payeer

 

Payeer si prende il 3% di commissione su ogni deposito. Quando premi “Paga ora”, si aprirà una pagina come questa qui sotto. Devi poi premere sul bottone “PAYEER”, scegliere EUR e confermare.

 

Il pagamento con Payeer su Livecoin

 

Per vedere i soldi sull’account Livecoin bisogna aspettare alcuni minuti. Puoi controllare guardando in alto della schermata la dicitura “Saldo equivalente in USD”. Una volta arrivati i fondi potrai comprare i tuoi primi bitcoin.

Vai su “Compra/Vendi” per andare sulla pagina del trading. Scegli la coppia BTC/EUR e vedrai il grafico del prezzo di bitcoin e due campi sotto: uno di acquisto e uno di vendita. Andiamo sul campo dell’acquisto di bitcoin.  Nel primo campo vuoto devi soltanto inserire la quantità di bitcoin che riesci a comprare con i soldi che hai sul conto. Il calcolo verrà fatto in automatico quindi non devi fare nessuna conversione. Noi carichiamo 100€ e con questa cifra possiamo comprare (commissioni incluse) 0.013 BTC al prezzo come quello sull’immagine. Premi “Acquista BTC” ed ecco che hai comprato i bitcoin.

 

Su Livecoin puoi comprare bitcoin con euro

 

Adesso puoi utilizzare bitcoin per comprare altri token, puoi tenerli sull’exchange che non è mai consigliato oppure poi spostarli nel tuo wallet offline. Per prelevare i bitcoin da Livecoin devi andare su “Saldo”.

 

Il saldo del tuo portafoglio su Livecoin.net

 

Vai sulla linea di “Bitcoin” e poi seleziona la voce “Prelievo”. Ti apparirà una finestra come questa:

 

Il prelievo di bitcoin da Livecoin exchange

 

Inserisci la quantità di bitcoin da prelevare e l’indirizzo del portafoglio bitcoin che hai installato sul tuo pc o di un LedgerNanoS o se preferisci, l’indirizzo bitcoin di un’altro exchange di criptovalute. Quando premi “Invia un pagamento” l’operazione sarà finita e dovrai aspettare un po’ di tempo prima che i tuoi bitcoin appaiano in un altro wallet.

 

Invia bitcoin da Livecoin a un’altro indirizzo bitcoin

 

Avendo bitcoin è facile comprare qualsiasi token. Se il token che desideri comprare non figura su Livecoin, puoi prelevare bitcoin e inviarli su un exchange dove si trova il token desiderato. Binance, Cryptopia sono exchange exchange dove non è possibile versare le valute tipo fiat quindi se vuoi utilizzarli dovrai per forza avere una criptovaluta. Il passaggio da fare per fare il trading su quegli exchange è: versare le valute fiat su Livecoin, comprare bitcoin, prelevare bitcoin e inviarli su Binance o Cryptopia, comprare il token desiderato con bitcoin.

Purtroppo, il meccanismo d’acquisto di token differenti è ancora molto convoluto e all”inizio può risultare difficile da capire, ma con il crescere dell’industria delle criptovalute, anche gli exchange si evolvono e tutto diventa più facile.

Se desideri di vedere una guida su un dato argomento, faccelo sapere nei commenti e provvederemo a crearla.

Dash integrato in Payza come l’alternativa al bitcoin

Payza, una compagnia di trasferimento del denaro online, ha annunciato il 15 marzo l’integrazione di dash nei suoi servizi.

Payza è stata il primo e-wallet a consentire ai suoi membri di utilizzare bitcoin per i trasferimenti, pagamenti o per gli acquisti e da ieri, da la possibilità di utilizzare dash allo stesso modo.

Dash è attualmente al decimo posto per capitalizzazione del mercato mentre nel corso del 2017 il suo valore è cresciuto del 5000%.

Payza supporta non solo dash e bitcoin, ma anche 25 criptovalute differenti che significa che non c’è più bisogno di tenere un wallet dedicato alle criptovalute.

Con questo ultimo aggiornamento, i membri di Payza possono detenere dash nei propri account, inviarlo istantaneamente ad altri membri e scambiare dash per altre valute (incluso bitcoin) interamente nel proprio account Payza.

Il supporto di dash prevede anche le commissioni molto basse: non ci sono commissioni per il deposito di dash sull’account Payza, la quota di prelievo è di 0,000005 dash (la commissione del miner), e la commissione per ricevere dash è dell’1,2% per transazione, che è inferiore alla tariffa di ricezione standard di Payza del 2,9% + $ 0,30.

“Ci sono diversi motivi per cui abbiamo scelto dash come seconda criptovaluta integrata nella nostra piattaforma, dopo bitcoin. Dash vanta le tariffe di rete basse e transazioni veloci, due caratteristiche che gli utenti cercano in una criptovaluta “, ha affermato Firoz Patel, il CEO di Payza. “Dash ha anche una comunità vivace e attiva, specialmente nei paesi in via di sviluppo, che ci attrae come una società che si concentra anche sul potenziamento delle popolazioni che non hanno l’accesso ai conti bancari. Infine, dash è user-friendly e ha una roadmap per migliorare ulteriormente l’usabilità.”

Insiema alla notizia dell’aggiunta di dash, Payza ha annunciato anche la sua partnership con BlockCypher che si specializza nelle soluzioni blockchain e offre prodotti agnostici blockchain. Grazie a questa collaborazione il servizio di e-wallet di Payza si espandera ad altre criptovalute.

“Ci stiamo già preparando a lanciare il pieno supporto per ethereum e litecoin nelle prossime settimane e stiamo esplorando anche altre integrazioni di criptovalute.”

Acquista bitcoin e dash su LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin o dash con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Barclays raggiunge l’accordo con Coinbase e abbraccia le criptovalute

Coinbase, uno dei più grandi exchange di criptovalute, ha raggiunto un accordo molto raro con una banca britannica, Barclays che gli permetterà di aprire un conto in banca.

Grazie a questo accordo i clienti britannici dell’exchange potranno facilmente acquistare e vendere le criptovalute, ha detto mercoledì il capo dell’exchange britannico. Nonostante il Regno Unito fosse il più grande mercato europeo per Coinbase,  i clienti dovevano, in precedenza, trasferire sterline in euro e passare attraverso una banca estone, cosa che rendeva tutto il processo molto lento e costoso.

“Avere dei pagamenti domestici in GBP con Barclays riduce i costi, migliora l’esperienza del cliente … e velocizza la transazione”, ha dichiarato Zeeshan Feroz, il CEO di Coinbase UK.

Anche se il crescente interesse sia per le criptovalute sia per la tecnologia blockchain sottostante fosse in aumento, alcune banche hanno deciso di limitare la possibilità dei suoi clienti di acquistare le valute virtuali per paura che un brusco calo dei prezzi potrebbe lasciare i clienti senza la capacità di rimborsare i debiti. La paura del lavaggio del denaro sporco ha anche giocato la sua parte nella reticenza delle banche di aprire i conti agli exchange di criptovalute.

Feroz ha dichiarato che l’Unione Europea, guidata dal Regno Unito, è stata nel 2017  il mercato di Coinbase in più rapida crescita. La startup con la sede a San Francisco e con circa 12 milioni di utenti è una delle più importanti aziende focalizzate sul bitcoin e prevede di avere centinaia di persone che lavorano nella sua sede londinese entro la fine dell’anno.

La notizia dell’accordo arriva poco dopo che le autorità finanziarie e i regolatori statunitensi hanno avvertito sulle criptovalute. In Europa, il governatore della Bank of England, Mark Carney, ha recentemente chiesto una maggiore regolamentazione delle criptovalute, definendo la sua enorme volatilità “una mania speculativa”.

A febbraio è stata anche lanciata un’inchiesta sulle valute virtuali per esaminare i rischi posti ai consumatori, alle imprese e al governo.

Nonostante questo, Feroz ha detto che Coinbase ha ricevuto una licenza dal regolatore finanziario britannico per emettere la moneta elettronica e fornire dei servizi di pagamento nel Regno Unito e in tutta l’UE, aggiungendo un altro livello di legittimità alla sua attività.

Ha detto che Coinbase ha già seguito le regole normative riguardanti la verifica dei clienti e le procedure antiriciclaggio e che l’autorizzazione rilasciata dalla Financial Conduct Authority mostra la conformità dell’azienda e che gli standard operativi sono “alla pari con le attività di servizi finanziari tradizionali”.

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Per Bitcoin Misery Index questo è un BUY signal

Questo è il momento giusto per comprare bitcoin o almeno così viene indicato da un nuovo indice Bitcoin Misery. L’indice è stato creato da un analista di Wall Street e il co-fondatore di Fundstrat Global Advisors, Thomas Lee.

“Quando il Bitcoin Misery Index è una ‘miseria’ (sotto 27), bitcoin vede le migliori prestazioni nei 12 mesi. Ogni anno viene generato un segnale “, ha spiegato Lee alla CNBC in un rapporto del venerdì. “Quando il BMI è a un livello di” miseria “, i rendimenti futuri sono molto buoni.”

Come funziona il Bitcoin Misery Index?

“Pensa a questo indice come a un modo per misurare quanto sei felice o triste a possedere bitcoin”

Il BMI tiene conto dei fattori quali il numero di scambi vincenti sul totale e la volatilità di bitcoin. Funziona come tanti altri indicatori che misurano il sentimento del mercato. Quando l’indice è basso, è un segnale Buy per l’investitore e vice versa.

 

Il Bitcoin Misery Index indica quattro punti di Buy nel passato e il quinto segnale Buy è stato il venerdì 9 marzo 2018

 

L’indice è costruito su una scala da 0 a 100. Per avere un segnale Buy forte l’indice del Bitcoin Misery deve essere il più basso possibile. La ‘miseria’ sotto i 27 punti indica un buon punto d’entrata con la posizione long. Al venerdì 9 marzo, il BMI era a 18.8 punti inviando un chiaro l’invito all’acquisto di bitcoin. Nonostante il ribasso del prezzo di bitcoin che ha avuto il suo minimo intorno a 6.000$, il minimo di venerdì è il segnale Buy più forte fin dall’agosto del 2011.

Secondo il Coinmarcetcap il prezzo del bitcoin è calato da un massimo di 11.681$ il 6 marzo, raggiungendo ieri il minimo di 8.600$. Un calo di circa 24% è avvenuto in coincidenza con alcune notizie negative che riguardano bitcoin e le criptovalute in generale.

Il 7 marzo, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione nella quale afferma che le piattaforme che possono essere qualificate come degli exchange di “security tokens” sono tenute a registrarsi presso l’agenzia come un exchange e lo stesso vale anche per i servizi wallet.

L’8 marzo, in Giappone sono state interrotte per un mese le attività di due borse di criptovalute e, nel contempo, le autorità giapponesi hanno emesso degli “avvisi di punizioni” per altre sette exchange.

Un colpo al sentimento degli investitori è stata una notizia di mercoledì che riguardava il defunto exchange di bitcoin Mt. Gox.  Il report rilasciato dal fiduciario fallimentare diceva che sono stati venduti circa 400 milioni di dollari in bitcoin e che ne rimangono altri da vendere.

Il Bitcoin Misery Index indica che, nel passato ci sono stati quattro segnali Buy forti: agosto 2011, novembre 2012, gennaio 2015, settembre 2016.

“E bitcoin era più alto un mese dopo”, ha detto Lee. “[L’indice] ci sta dicendo, che è davvero difficile possederlo [il bitcoin] per la prossima settimana o anche due settimane, tre settimane, ma stiamo superando questo.”

Mentre il BMI indica un segnale Buy nell’agosto del 2011 è possibile notare che il prezzo di bitcoin ha continuato a scendere nonostante non ci fosse più un segnale della ‘miseria’.

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Bitcoin: le carte di debito per i pagamenti in criptovaluta disponibili in Europa

La banca di criptovalute Wirex ha lanciato le prime carto di debito per i pagamenti con bitcoin. Le carte sono state lanciate inizialmente nel Regno Unito, ma alla fine di marzo dovrebbero essere disponibili nel resto della Comunità Europea.

Esiste un piano di lancio in Italia, Francia e Germania con la data fissata al 20 marzo e il 27 marzo Wirex espanderà l’attività anche al resto dell’Europa tranne l’Ukraina e la Russia.

Gli account saranno disponibili nelle tre valute principali: euro, dollaro e sterlina e in bitcoin.

Le carte di debito verranno presentate in due forme: nella forma plastica e in quella virtuale. Ci sarà anche una carta prepagata con le stesse funzioni delle prima. Le carte di debito supporteranno inizialmente la sterlina e in un secondo momento l’euro, mentre con le carte prepagate si potrà pagare anche in altre valute.

Chi vuole avere una carta di debito Wirex, può entrare sul sito della compagnia, registrarsi e accedere istantaneamente alla propria carta virtuale. Le carte vituali sono gratuite. Ordinare una carta di plastica richiede attualmente l’adesione a una lista di attesa. Secondo Wirex Community Manager, le persone su quella lista avranno la priorità.

Nonostante le carte offrano i pagamenti di criptovalute, vengono supportate da Visa e Wirex sostiene che è attualmente l’unico fornitore che offre agli europei l’opportunità di pagare dei beni e i servizi convertendo la criptovaluta.  Le carte supporteranno le transazioni 3D sicure “Verified by Visa”.

“La nostra azienda è l’unico fornitore in Europa che offre carte di debito che fanno delle criptovalute parte della tua vita quotidiana. Le spese nei negozi, l’acquisto di beni su Internet o il prelievo di denaro dagli sportelli automatici sono diventati molto più semplici. Siamo i primi al mondo a introdurre tali carte e ora siamo i primi ad integrare i conti in criptovaluta con carte di debito VISA senza contatto”

I titolari degli account Wirex potranno trasferire bitcoin tra di loro a costo zero. La società dice che la crittografia è stata migliorata e i commercianti possono godere di una maggiore libertà d’azione con un rischio di frode ridotto.

Successivamente, Wirex vuole espandere la propria attività anche all’Asia.

Wirex ha ricevuto un investimento di 3 milioni di dollari dall’investitore istituzionale giapponese – SBI Group che è anche l’investitore in Ripple.

 

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Puoi acquistare EOS su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Cina sta sviluppando la propria valuta digitale

Oggi, alla fine della sessione annuale del parlamento, Zhou Xiaochuan, il governatore della Banca Popolare Cinese (PBOC) ha parlato delle valute digitali.

Il 27 febbraio la Banca Centrale della Cinese ha affermato che sta studiando la questione della moneta digitale. Ci sono orari e tabelle di marcia per il lancio ufficiale della moneta digitale. Zhou ha risposto a una serie di domande e qui c’è la trascrizione (traduzione del cinese della versione orginale del comunicato stampa) della conferenza stampa.

Alla domanda posta da un giornalista: “Come vede il futuro dell’applicazione della moneta digitale?” il governatore Zhou ha risposto:

“Bisogna notare che la Banca Popolare della Cina ha iniziato a organizzare i seminari sulle valute digitali più di tre anni fa, poi è stato istituito l’Istituto di Ricerca sulla moneta digitale della Banca Centrale. L’ultima azione è quella di organizzare congiuntamente le attività di ricerca e lo sviluppo distribuito e fare l’affidamento sul mercato: un modo cooperativo per sviluppare la moneta digitale. Concettualmente, il concetto di valuta digitale nelle nostre menti non è lo stesso: il nome di R & S utilizzato dalle banche centrali è “DC / EP”. DC, valuta digitale, che è la valuta digitale, EP, pagamento elettronico, è pagamento elettronico. Che cos’è il pagamento elettronico? La cosa di pagamento è in realtà la cosa digitale trasmessa attraverso la comunicazione mobile o altro sistema di rete: non è una valuta cartacea, quindi il pagamento elettronico è anch’esso una proprietà della valuta digitale.

Perché connettere questi due? Dobbiamo prima chiarire uno scopo: studiare la valuta digitale non significa che il denaro sia utilizzato per ottenere l’applicazione di una determinata soluzione tecnica, ma essenzialmente il perseguimento della convenienza, della rapidità e del basso costo di un sistema di pagamento al dettaglio. Bisogna anche considerare la sicurezza e proteggere la privacy. Questi articoli possono essere basati sulla blockchain o sulla tecnologia di contabilità distribuita, valuta digitale basata su DLT [distributed ledger tochnology] o tecnologie che si sono evolute dai pagamenti elettronici esistenti. Allo stato attuale, esistono classificazioni preliminari del percorso tecnico per la valuta digitale nel mondo, indicando che potrebbe anche avere una varietà dei possibili sistemi. Va detto che lo sviluppo della moneta digitale non è solo un’inevitabilità dello sviluppo tecnologico: in futuro, potrebbe essere che le forme tradizionali della moneta cartacea e delle monete si ridurranno gradualmente, e potrebbero persino esistere un giorno, anche questa possibilità esiste.

Durante tutto il processo, dovremmo prestare attenzione alla stabilità finanziaria globale, la prevenzione dei rischi, mentre la moneta digitale come moneta è interessante, al fine di garantire che il meccanismo di trasmissione della politica monetaria delle politiche di stabilità finanziaria, e per proteggere i consumatori. Esistono alcune soluzioni tecniche che possono comportare rischi eccessivi e causare perdite per i consumatori in caso di problemi. In particolare, per le economie dei grandi paesi, dobbiamo evitare perdite così sostanziali e irreparabili, quindi dobbiamo stare attenti. In questo processo, dobbiamo passare attraverso test approfonditi e test locali. Dopo che sarà affidabile, lo promuoveremo. Nel 2017, la Banca Popolare ha organizzato un progetto di ricerca di denaro digitale e pagamenti elettronici, dopo l’approvazione formale da parte del Consiglio dello Stato, attualmente tutti i membri dell’organizzazione vanno avanti.

Tutti possono anche vedere sul mercato che la valuta digitale ha causato molte discussioni in certi aspetti e che ci sono anche molti rischi: i prezzi hanno visto molte fluttuazioni. Il motivo principale è che ci sono alcune applicazioni tecniche che non si concentrano sull’applicazione della moneta digitale nel pagamento al dettaglio, ma sono passate a transazioni di beni virtuali. Crediamo che bisogna stare più attenti nella virtuale attività di negoziazione, di scambio di asset virtuale dal punto di vista della Cina, non è in linea con i nostri prodotti finanziari e servizi finanziari al servizio della direzione dell’economia reale. Così, durante tutto il processo, non essere troppo ansiosi, costante sviluppo, e ordinato svolgimento del test, cogliere la direzione, per sottolineare i servizi finanziari per l’economia reale, migliorare l’efficienza, ridurre i costi, evitare che un prodotto diventi un’eccessiva speculazione. Proprio ora abbiamo presentato a tutti l’attuale piano di ricerca e sviluppo, che entrerà nella fase dei test quando sarà sviluppato in una certa misura. Questo è quello che posso dire ora. Grazie”

 

Agenzia Stampa Xinhua:

“Negli ultimi due anni, le piattaforme delle criptovalute come il finanziamento del Bitcoin ICO sono state un tema molto caldo. Abbiamo visto che la Banca Centrale e varie autorità di regolamentazione hanno preso una forte supervisione e raggiunto alcuni risultati iniziali. Quali sono le considerazioni a riguardo? Quale tipo di politica normativa introdurrà successivamente? Grazie”

Zhou Xiaochuan:

“Le misure che hai menzionato potrebbero essere state osservate da te, stai dicendo come pensare dietro le quinte. Prima di tutto, abbiamo appena risposto alle domande relative a questo, il che significa che la Banca Centrale ha iniziato a prestare l’attenzione alle nuove tecnologie nel campo della scienza e della tecnologia finanziaria, organizzato dei seminari e istituito istituti di ricerca. A questo proposito ha fatto molto lavoro e ha fatto molto allo stesso tempo. Lo studio del programma, che mostra per primo il nostro atteggiamento generale nei confronti della tecnologia. Allo stesso tempo, siamo anche molto preoccupati per l’applicazione della blockchain e della tecnologia di pagamento distribuito. Allo stesso tempo, pensiamo che questi R & D dovrebbero essere più prudenti: alcune cose come Bitcoin e alcuni altri prodotti di biforcazione sono troppo veloci e non prudenti: se vengono espanse o diffuse rapidamente, possono portare molto ai consumatori. Impatto negativo Allo stesso tempo, potrebbe anche avere effetti imprevedibili sulla stabilità finanziaria e sulla trasmissione della politica monetaria. Pertanto, riteniamo positivo studiare alcune cose nuove, ma oltre alla motivazione del mercato, dobbiamo anche considerare la situazione generale e la situazione generale, non dobbiamo scavare alcune lacune politiche e inventare eventi esplosivi.

Inoltre, prima di investire nell’operazione reale, è necessario considerare il rapporto con il consumatore e il rapporto con l’investitore. Pertanto, se il test non è sufficiente o se i risultati del test non sono ampiamente riconosciuti, una rapida espansione potrebbe causare alcuni problemi. Pertanto, dal punto di vista della Banca Centrale, il primo è l’arresto involontario dei prodotti, e alcuni prodotti promettenti devono anche essere testati, certificati e, in effetti, più affidabili da promuovere in seguito. Pertanto, abbiamo notato che la prassi della nostra banca centrale era quella di fermare l’ICO alla fine di agosto dello scorso anno, quindi abbiamo seguito da vicino le transazioni dirette tra Bitcoin e RMB. Inoltre, l’attuale valuta virtuale come Bitcoin viene utilizzata come strumento di pagamento al dettaglio come banconote, monete e carte di credito, al momento non la riconosciamo, il sistema bancario non accetta o fornisce servizi correlati.

La supervisione del futuro, prima di tutto, è molto dinamica, dipende dalla maturità della tecnologia, ma dipende anche dal test finale, dalla situazione di valutazione. Pertanto, questo dovrebbe essere considerato come ancora da osservare, né è necessario dire che tipo di misure normative saranno adottate a breve. Inoltre, come ho appena detto, considerando queste nuove tecnologie, dobbiamo essere chiari sulla direzione dei servizi: non ci piace l’idea di creare un prodotto speculativo e lasciare che le persone abbiano una fantasia notturna. Che cosa positiva, ma ha sottolineato la necessità di servire l’economia reale. Poiché si dice che si desidera utilizzare la valuta digitale, è necessario considerare la protezione che dà davvero ai consumatori, porta efficienza al mercato al dettaglio, porta a costi bassi e porta sicurezza e privacy. Inoltre, è necessario considerare la situazione generale, che non dovrebbe essere utilizzata per affermare che è in conflitto con l’attuale stabilità finanziaria e che è direttamente in conflitto con l’attuale ordine finanziario. Naturalmente, se si dice che lo sviluppo tecnologico porterà cambiamenti all’ordine finanziario originario, richiederà anche un’attenta ricerca e argomentazione prima che venga introdotta. Pertanto, in generale, lo sviluppo tecnologico è un processo dinamico: durante questo processo, le persone stanno gradualmente esplorando: nel processo di esplorazione, non si può dire che in futuro ci sarà qualche tipo di politica normativa. Per studiare questi problemi, la banca centrale collabora strettamente con i partecipanti al mercato e ascolta le opinioni del grande pubblico, in particolare dei media. Grazie”

 

Il corrispondente della Central People’s Radio:

“Dalla pratica degli ultimi anni, le innovazioni finanziarie come P2P e Bitcoin tendono ad essere piccole, ma lo sviluppo si è diffuso rapidamente. La mia domanda è: quale tipo di sistema o meccanismo per la supervisione dell’innovazione considereremo in futuro per garantire l’individuazione tempestiva di tali attività finanziarie e la prevenzione tempestiva dei possibili rischi? Grazie”

Zhou Xiaochuan:

“Va detto che questo è un nuovo argomento che è emerso di recente: in passato, il sistema finanziario è sempre stato molto ben bilanciato con l’innovazione tecnologica, e il sistema finanziario è sempre stato un fedele sostenitore e utente dell’innovazione tecnologica. Possiamo immaginare che dall’inizio dei primi anni dei computer, dall’inizio della cosiddetta ricostruzione del sistema di comunicazione precoce, dall’emergere delle telecomunicazioni, l’emergere delle reti di computer, si vede nel settore finanziario della comunità, banche, mercati dei titoli, sono il più grande computer Gli acquirenti sono anche utenti molto grandi di Internet. Il sistema finanziario era anche un utente di cloud storage in anticipo. Il primo sistema di archiviazione su larga scala dei dati dei clienti si è verificato nel sistema bancario. I nostri scambi finanziari, comprese le borse, sono tutte comunicazioni in rete, elaborazione ad alta velocità e data mining. Sono i più fedeli operatori di cloud computing.

Recentemente c’è stato un caso, ci sono un certo sviluppo tecnico del più veloce, con meno convenzionali come diretta conseguenza della applicazione della tecnologia, oltre che creano nuovi prodotti finanziari e di creare nuovi segmenti di mercato finanziario, questo approccio non è molto in passato. Dopo che la nuova tecnologia è uscita, l’hanno usata e in pratica hanno afferrato la direzione e l’ambito dell’applicazione. Ora ci sono alcuni nuovi, questa nuova cosa è che abbiamo prima impegnati a seguire da vicino insieme, e poi se v’è una nuova tecnologia messa immediatamente in uso, per diventare il nuovo prodotti finanziari o nuovo segmento di mercato di scambio finanziario, abbiamo Pensa attentamente. Secondo le regole attuali, devi presentare domanda per la domanda, la valutazione deve anche essere valutata e verrà condotta successivamente. Allo stesso tempo, sottolineiamo in particolare una delle cosiddette protezioni del consumatore e protezione degli investitori: dovresti prestare attenzione a queste cose e avrà una vasta gamma di effetti nella società.

Allo stesso tempo, dobbiamo anche rafforzare la formazione degli investitori o l’educazione dei consumatori. Dobbiamo sapere che per alcuni prodotti particolarmente nuovi, le persone non hanno toccato nulla, in passato non ne sapevano molto, devono imparare a pensarci e poi usarli, se si vuole usarli, si assumono i rischi a proprio rischio. Né è del tutto possibile per i regolatori gestire. Da un lato, la supervisione deve pensare a modi per imparare a stare al passo con la nuova situazione, d’altra parte, ci sono alcune regole che devono essere rispettate. Infine, è necessario aumentare la pubblicità e l’educazione per i consumatori e gli investitori e stabilire un atteggiamento responsabile. Grazie”

 

Leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute con EUR o USD senza dover verificare l’account

Puoi acquistare EOS su degli exchange tipo LivecoinExmoBinance o HitBTC.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Dietro al grande calo del prezzo di bitcoin c’è Mt. Gox

Il crollo del prezzo di bitcoin, cominciato a partire dal 17 dicembre 2017 potrebbe essere causato da Nobuaki Kobayashi, il fiduciario fallimentare di Mt.Gox che ha venduto una grande quantità di bitcoin in cambio delle valute nazionali per rendere i soldi ai creditori di Mt.Gox.

Kobayashi ha rivelato che ha iniziato a vendere bitcoin alla fine di settembre, il che significa che è possibile che abbia venduto almeno alcune delle monete ai massimi raggiunti a dicembre.

Quasi il 90% del denaro dei 406.6 milioni di dollari (JPY 42,988,044,343) proviene dalla vendita di bitcoin (BTC), mentre il resto è in bitcoin cash (BCH). In totale sono stati venduti 35,841 BTC per 362 milioni di dollari e 34,008 BCH per 45 million di dollari.

Kobayashi ha affermato nel rapporto che era “necessario e ragionevole” vendere una parte di bitcoin e bitcoin cash al fine di “assicurare una certa quantità di denaro per le risorse di distribuzione”.

Ha aggiunto:

“Mi sono sforzato di vendere bitcoin e bitcoin cash al prezzo più alto possibile alla luce del prezzo del mercato di BTC e BCC al momento della vendita.”

Max Karpeles, l’ex CEO di Mt. Gox ha detto su Reddit che le criptovalute sono state “vendute tra dicembre 2017 e febbraio 2018 con l’assistenza di un exchange di bitcoin” aggiungendo:

“Ho detto al fiduciario fin dal primo giorno che qualsiasi vendita più ampia di BTC dovrebbe essere un’asta privata proprio come l’FBI ha gestito le monete del Silk Road e altri fondi confiscati. Il fiduciario ha fatto ciò che ha fatto, non ho il controllo sulle sue azioni se non per suggerire modi per fare le cose. La decisione finale è presa dal fiduciario fallimentare e dal tribunale.”

 

Gli spostamenti di bitcoin dal cold storage di Mt. Gox a un exchange di criptovalute

 

I movimenti di cui parla Karpeles sono visibili sulla blockchain di bitcoin. Vi è l’elenco completo dei trasferimenti dal cold storage con le date e gli orari delle transazioni. Il primo e il secondo trasferimento di 8000 BTC complessivi, coincide con il primo grande calo del prezzo di bitcoin che, da quasi 20 mila dollari ha fatto scendere il prezzo a un minimo di 11 mila dollari. Il 5 febbraio 2018 18.000 bitcoin sono stati trasferiti su un exchange e il giorno dopo abbiamo assistito al calo del prezzo di bitcoin fino a quasi 6 mila dollari.

 

Il grafico rappresenta il calo del prezzo di bitcoin dovuto alla vendita di bitcoin provenienti da Mt. Gox

 

Mt. Gox era il più grande exchange di bitcoin al mondo, ma nel 2014 ha rivelato di aver perso 850.000 bitcoin, per un valore di circa 500 milioni di dollari. L’azienda, che in seguito ha dichiarato di aver recuperato circa 200.000 bitcoin, ha accusato gli hacker della perdita.

Bloomberg riporta che le riserve di bitcoin della banca fallimentare ammontano attualmente a 166.344,35 BTC, circa 1,9 miliardi di dollari.

Kobayashi insiste che cercherà di raccogliere ulteriore liquidità dalle future vendite di BTC e BCC per rimborsare quasi 25.000 richieste di rimborso accettate dai creditori.

Kobayashi ha dichiarato:

“Ho l’intenzione di consultarmi con il tribunale e determinare ulteriori vendite di BTC e BCC.”

 

Puoi acquistare bitcoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare bitcoin con USD o EUR e senza la verifica dell’account.

 

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Bill Gates dice che le criptovalute hanno causato delle morti

Bill Gates il co-fondatore di Microsoft Corp. ha scritto delle parole forti riguardo alle criptovalute durante un AMA (chiedetemi qualsiasi cosa) sul popolare sito di discussione Reddit.

Un utente di Reddit, Askur1337, ha domandato: “Qual’è la tua opinione sulle criptovalute?” e Bill Gates ha risposto:

“La caratteristica principale delle criptovalute è il loro anonimato. Non penso che questa sia una buona cosa. La capacità dei governi di trovare il riciclaggio di denaro sporco, l’evasione fiscale e il finanziamento del terrorismo è una buona cosa. In questo momento le criptovalute vengono utilizzate per acquistare fentanyl e altre droghe, quindi è una tecnologia rara che ha causato morti in modo abbastanza diretto. Penso che l’ondata speculativa attorno alle ICO e alle criptovalute sia super rischiosa per chi va lungo.”

 

 

La sua posizione sulle criptovalute sembra che si sia completamente rivolta in quanto, nel 2014, Gates ha detto che il Bitcoin era eccitante e “migliore della valuta in quanto non è necessario essere fisicamente nello stesso posto”.

Sempre continuando la stessa discussione, un altro utente di Reddit ha risposto a Gates che il fentanyl può essere acquistato con i contanti a cosa Gates ha detto: “Sì, per questo tipo di cose si usa il denaro anonimo, ma bisogna essere fisicamente presenti per trasferirlo, il che rende le cose come il pagamento per il rapimento  più difficile.”

Nel passato, Gates ha commentato le criptovalute più di una volta. Ha parlato specificamente di Bitcoin e della sua volatilità:

“Non usiamo bitcoin specificamente per due motivi. Uno è che i poveri non dovrebbero avere una valuta il cui valore va su e giù di molto rispetto alla loro valuta locale. In secondo luogo, se viene commesso un errore in chi paga, è necessario poterlo invertire in modo che l’anonimato non funzioni.”

Gates ha ragione nel dire che Bitcoin ha reso più facile trarre profitto da certi tipi di crimine. Ad esempio, è più facile prendere un riscatto elettronico piuttosto che doversi presentare di persona.

Considerando ciò che Gates dice dell’anonimato può essere applicato specificamente alle criptovalute tipo Monero, ZCash o Dash in quanto è pressoché impossibile arrivare all’identità del utente, mentre Bitcoin è pseudonimo e le transazioni possono essere rintracciabili e quindi attribuibili a un utente specifico.

I report recenti che arrivano dal Regno Unito o dal Giappone dicono che il Bitcoin è utilizzato sempre meno per le attività illecite. Sono arrivati invece dei report di una banca indiana che ha fatto la frode per circa 2 miliardi di dollari.

 

Puoi acquistare le criptovalute su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare Bitcoin con BTC, USD o EUR e senza la verifica dell’account.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Il lancio di LitePay si rivela meno eccitante di quanto previsto

Il tanto atteso lancio di LitePay, un processore di pagamenti in criptovaluta Litecoin, è finalmente avvenuto, ma forse nessuno se n’è accorto? Non c’era il restyling del sito né un annuncio ufficiale da parte del CEO Kenneth Asare, o da parte di Charlie Lee. Quelli che si sono registrati sulla piattaforma, hanno ricevuto un’email che era abbastanza deludente per chi si aspettava invece un’impennata del prezzo di Litecoin.

La lettera diceva che LitePay ha cominciato ad acettare le registrazioni delle aziende volenterose a utilizzare i precossori di pagamenti per le transazioni con Litecoin e che la carta di debito non sarebbe stata ancora lanciata.

Nonostante la comunità di Litecoin chiedesse delle informazioni su Twitter, LitePay non ripondeva. Soltanto alle 11:58 del 27 febbraio, ha scritto il primo tweet in due settimane:

 

Charlie Lee ha successivamente risposto a una lunga serie di domande poste su Twitter. In una risposta sottolinea il fatto che, visto i problemi della Visa con le criptovalute, non c’è nulla di strano che la carta di debito non è stata riuscita ad essere presentata in tempo.

 

Charlie Lee è stato più volte accusato di avere gestito male la situazione e di rovinare la reputazione di Litecoin, ma Lee si è difeso dicendo che lui non ha mai promosso la carta LitePay, soltanto il loro processore di pagamenti che, in effetti, ha cominciato a prendere in considerazione le applicazioni dei commercianti.

 

Il LitePay era considerata da tutti una piattaforma di lancio per Litecoin che cerca di farsi uno spazio tra le criptovalute come bitcoin, ripple o bitcoin cash. Litecoin è attualmente quinta per capitalizzazione, ma il fondatore della criptovaluta ha ultimamente scritto su Twitter che, quest’anno, Litecoin batterà Bitcoin Cash.

Il prezzo di Bitcoin Cash è attualmente a 1.247$.

La sua previsione del prezzo futuro di Litecoin non è nulla d’impossibile. Siamo abituati a vedere nel mondo delle criptovalute un guadagno annuale che può arrivare a 1,400% come nel caso di bitcoin nell’anno scorso. Litecoin è una criptovaluta molto apprezzata e la sua adozione più ampia sicuramente permetterebbe ad arrivare al livello di Bitcoin Cash. 

Puoi acquistare Litecoin su degli exchange tipo LivecoinBitPandaExmoBinance o HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare Litecoin con BTC, USD o ETH e senza la verifica dell’account.

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

Le applicazioni della tecnologia blockchain messe in pratica

Sentiamo parlare sempre più spesso di una tecnologia dirompente che cambierà il futuro – la blockchain, ma non tutti sanno che cos’è e sopratutto come la si può applicare nei vari settori della nostra quotidianità. Chi conosce il mondo delle criptovalute, sa che esse si basano sulla blockchain, ma questa tecnologia non si limita soltanto a creare dei token, ma è la base del futuro che rivoluzionerà i settori come la cybersicurezza, le assicurazioni, il sistema del voto e della governabilità, la sanità, la produzione, il trasporto, i pagamenti, la beneficienza e tante altre.

Che cos’è la blockchain?

La blockchain si può comparare a un libro maestro pubblico che registra tutte le transazioni in modo sicuro, permanente e accessibile a tutti.

Anche se queste parole non fanno l’impressione e non ne rendono l’importanza, sono le fondamenta della blockchain ed è proprio per queste caratteristiche che questa tecnologia è così rivoluzionaria.

 

L’applicazione della blockchain in pratica

Nella logistica, il programma pilota più noto basato sulla blockchain ha coinvolto il Maersk e l’IBM. È incentrato sulla creazione di un registro digitale distribuito per creare un singolo luogo elettronico in cui poter alloggiare tutta la miriade di documenti relativi a una spedizione.

La tecnologia blockchain potrebbe essere utilizzata anche per tracciare i farmaci, il cibo e un qualsiasi altro prodotto. Provenance, una startup britannica utilizza la blockchain per tracciare l’autenticità dei cibi e garantirne la qualità. Provenance sta attualmente testando il tracciamento del tonno pescato in Indonesia e trasportato fino ai ristoranti Giapponesi. Delle etichette RFID (Radio Frequency Identification) vengono applicate al pescato in Indonesia, le informazioni inviate dai sensori delle etichette vengono registrate sulla blockchain che è immutabile e non può essere manomessa. Le etichette RFID hanno una batteria e possono operare a centinaia di metri dal lettore RFID.

 

Provenienza ha lavorato con dei pescatori locali di due diverse catene di approvvigionamento per aiutarli a raccogliere i dati sulle catture e a rintracciare i fornitori.

 

Provenance s’integra con i sistemi esistenti

 

Anche VeChain che ultimamente ha fatto il rebranding a VeChain Thor traccia i prodotti e ultimamente ha annunciato anche una partnership con la BMW. Anche qui, un’etichetta RFID collegata a un’automobile durante la produzione può essere utilizzata per tracciare il suo avanzamento attraverso la catena di montaggio registrando tutto su una blockchain sicura.

Skuchain d’altro canto applica la blockchain a Internet of Things (IoT) oltre che alla digitalizzazione della finanza commerciale. Rispetto all’IoT lo scopo della Skuchain è quello di rendere i segnali IoT azionabili. I segnali provenienti dai sensori di umidità, temperatura o dalla posizione possono essere collegati alla blockchain e attivare l’esecuzione automatica degli smart contracts, consentendo l’automazione della catena.

La blockchain applicata in uno dei modo descritti di sopra, sarà quindi una serie di transazioni registrate in un libro mastro, nel quale ogni transazione è codificata con un numero di riferimento e alcuni dettagli della transazione precedente. Se si vuole recuperare una certa transazione come la data, il tipo di carico e il trasportatore, questa informazione è resa disponibile a tutti e in qualsiasi momento.

Se qualcuno volesse cambiare per esempio la data della presa in carico di una consegna, non lo potrebbe fare perché cambierebbe tutte le altre informazioni in quanto esse sono interconnesse. Un altro motivo per cui il sistema non può essere manomesso è perché è distribuito. Ogni computer che partecipa nel mantenimento della blockchain, possiede la stessa copia della blockchain stessa e questa copia non può essere cambiata su tutti i computer. Più la rete è vasta, più difficile è comprometterla.

La blockchain potrebbe essere dunque di grande aiuto in qualsiasi parte della catena d’approvvigionamento e in più, se messa in relazione con degli smart contracts, potrebbe scatenare una reazione se certe condizioni vengono soddisfatte come ad esempio: il pagamento automatico può essere eseguito soltanto quando la consegna arriva a destinazione.

La blockchain non solo permetterebbe un flusso di informazioni fluido, veloce e sicuro, ma permetterebbe anche di ridurre i costi e i tempi sopratutto dei produttori piccoli. L’applicazione della blockchain in un settore viene spesso denominata come trasparente e inclusiva e questo perché ogni persona che è stata in qualche modo coinvolta nella transazione su una blockchain (produttore, trasportatore, consumatore etc.) ne fa parte e ha pieno accesso a tutte le informazioni con essa collegate.

Compra bitcoin con le valute tipo fiat senza verificare l’account

Qubit Hacker cerca scrittori capaci con una buona conoscenza delle criptovalute, della blockchain o del quantum computing. Contattaci: qubithacker@gmail.com

La Commissione Europea si incontra per parlare delle criptovalute

La Commissione Europea si è incontrata oggi a Bruxelles sotto la presidenza di Valdis  Dombrovskis, il vicepresidente della Commissione responsabile della stabilità finanziaria, dei servizi finanziari e dell’unione dei mercati e dei capitali per discutere delle “Criptovalute – opportunità e rischi” .

Considerando sempre maggiore l’influenza della blockchain e delle criptovalute sullo sviluppo e sulle finanze non solo delle aziende, ma anche dei singoli consumatori, la commissione ha voluto scambiarsi le opinioni su come le istituzioni, i supervisori e gli stati membri dell’UE dovrebbero reagire.

La discussione è stata organizzata intorno a questi argomenti:

  • le criptovalute e le loro implicazioni per i mercati finanziari
  • la protezione degli investitori e l’integrità del mercato in relazione alle criptovalute come asset class emergenti
  • il potenziale e le sfide poste dalle Initial Coin Offering (ICO)

 

Lo scambio di opinioni oggi incoraggerà l’imminente piano d’azione della Commissione Europea sulle tecnologie finanziarie e la posizione dell’UE per un’eventuale discussione al G20. Il vicepresidente Dombrovskis ha sottolineato che è importante lavorare su questi temi insieme ai partner del G20 e con i normatori internazionali.

Dombrovskis ha anche sottolineato che gli exchange di criptovalute e i wallet providers dovrebbero attuare le polizze Anti Money Launering (AML)

Parlando alla stampa sull’esito dell’incontro il vicepresidente Dombrovskis ha presentato le conclusioni:

“Abbiamo concluso che:
In primo luogo, la tecnologia blockchain è molto promettente per i mercati finanziari. Per rimanere competitivi, l’Europa deve abbracciare questa innovazione.
In secondo luogo, le criptovalute, che non sono valute in senso tradizionale e il cui valore non è garantito, sono diventate oggetto di una considerevole speculazione.
Ciò espone i consumatori e gli investitori a rischi sostanziali incluso il rischio di perdere il proprio investimento.
Ecco perché la nostra terza conclusione è che le avvertenze su questi rischi per i consumatori e gli investitori sono importanti: devono essere chiare, frequenti e in tutte le giurisdizioni.
In quarto luogo, le Initial Coin Offerings (ICOs) sono diventate un modo per le aziende innovative in questo campo di raccogliere notevoli quantità di fondi.
Questa è un’opportunità, ma ci sono anche problemi che espongono gli investitori a rischi sostanziali, come la mancanza di trasparenza riguardo all’identità degli emittenti e ai piani aziendali sottostanti.
In quinto luogo, dobbiamo valutare ulteriormente in quali circostanze le criptovalute e i servizi connessi sono coperti dalla regolamentazione esistente.
Questo dipende molto dai fatti e dalle circostanze attorno a specifici token crittografici.
Sulla base della valutazione dei rischi e delle opportunità e dell’idoneità del quadro normativo esistente per questi strumenti, la Commissione determinerà se è necessaria un’azione normativa a livello dell’UE.
Infine, le cripto-assets presentano rischi relativi al riciclaggio di denaro e al finanziamento di attività illecite.
Questo è il motivo per cui la Commissione ha proposto che gli scambi di criptovalute e i fornitori di portafogli dovrebbero essere soggetti alla direttiva sul riciclaggio di denaro.
I colegislatori hanno raggiunto un accordo a dicembre e invitiamo gli stati membri a prepararsi per una rapida trasposizione di questa legislazione.
Riassumendo, la Commissione continuerà a monitorare questi mercati insieme ad altre parti interessate, a livello dell’UE e internazionale, anche al G20.
Siamo pronti ad agire in base a una valutazione dei rischi e delle opportunità.
Dopo le prossime discussioni internazionali, decideremo come seguire la tavola rotonda di oggi.
Grazie.”

VeChain (VEN) – che cos’è e come funziona

VeChain ha fatto il rebranding a VeChain Thor il 26 febbraio e qui descriviamo meglio che cos’è VeChain, come funziona e su cosa sta lavorando.

 

Che cos’è VeChain Thor

VeChain è una piattaforma abilitata per la blockchain, progettata per migliorare i processi di gestione della catena di approvvigionamento. Grazie all tecnologia della blockchain, VeChain offre ai rivenditori e ai consumatori la possibilità di determinare la qualità e l’autenticità dei prodotti acquistati.

A cominciare dai prodotti d’origine di un prodotto, alla cronologia dei servizi di manutenzione o alle sostituzioni di parti di ricambio. Ogni singola informazione sul cambiamento della catena produttiva di un prodotto può essere registrata e verificata per creare un ecosistema di gestione del prodotto sicuro per tutti i partecipanti.

VeChain Thor però, non si limita a questo, ma va oltre e costruisce tutto l’ecosistema che va dai servizi, all’Internet of Things, alla communicazione.

Come funziona VeChain Thor

Registrando tutto sulla blockchain, il produttore, il fornitore, il rivenditore e perfino il consumatore finale è in grado di verificare la provenienza, la composizione e seguire la traccia di ogni singolo prodotto.
VeChain utilizza la tecnologia VeChain Identity (VID) per contrassegnare e tracciare un prodotto.
I VID vengono prodotti utilizzando una funzione hash SHA256, che genera un valore hash casuale che corrisponde a un VID. Tale VID può quindi essere scritto su un’etichetta NFC (Near Field Communication), su un codice Quick Response (QR) o su un’etichetta RFID (Radio Frequency Identification) da utilizzare per ciascun prodotto. Questo metodo consente di avere tutte le informazioni dettagliate su un dato prodotto.

Se per esempio la tecnologia simile viene adoperata sulla mozzarella, vuol dire che sapremo da dove arriva il latte, dove, quando e da chi è stata prodotta, chi l’ha trasportata e da chi è stata venduta.

Grazie alla tecnologia blockchain, non c’è modo di modificare i dati immessi e quindi non è possibile cambiare l’origine di un prodotto per esempio. Verrà individuato ogni tentativo di frodare il consumatore, in quanto l’autenticità della mozzarella può essere determinata in ogni fase del processo della catena di approvvigionamento.
VeChain ha creato tuttu un ecosistema. Questo l’ecosistema è composto da una rete di nodi costituiti dalle aziende e dalle organizzazioni che partecipano attivamente nell’ecosistema e mantengono la sua sicurezza.
VeChain utilizza un proprio token VEN che è necessario perché viene utilizzato come GAS per l’esecuzione di contratti intelligenti. Oltre a ciò, i VEN saranno utilizzati anche come incentivo in quanto verranno assegnati ai nodi della rete che aiutano a facilitare l’ecosistema attraverso il loro funzionamento.

 

VeChain ha già una lunga lista di partnership e, al suo evento di rebranding, ne ha aggiunte altre due: la BMW e il Mathematical Institute of Oxford University. Altri partner di VeChain sono: Babyghost, BitOcean, China Unicorn, Directed Imported Goods, DNV GL, Healthcare Co Ltd, Hyperledger, Jiangsu Printed Electronics Co Ltd, Kuehne & Nagel, MadeForGoods, Microsoft, pwc, Renault, Xiamen Innov Information Technology Co Ltd.

VeChain è un’azienda con tanto potenziale. Ancora sei mesi fa avevano 48 dipendenti e adesso hanno già quattro uffici (Singapore, Shanghai, Parigi e Tokyo) con 80 dipendenti.
VeChain Thor si prefigge come scopo la focalizzazione:
– sull’utilità e l’applicazione della piattaforma VeChain
– sulla regolamentazione e conformità per evitare problemi futuri

I token VEN possono essere acquistati su Binance o HitBTC.

Se non hai ancora un account su un exchange di criptovalute, leggi la nostra guida su dove comprare le criptovalute senza dover verificare l’account

“Bitcoin deve adottare un nuovo Proof of Work ibrido” dice Cobra, il proprietario di Bitcoin.org e Bitcointalk

Il 24 febbraio il co-fondatore del forum Bitcointalk e di Bitcoin.org ha proposto di cambiare il meccanismo di consenso Proof of Work (PoW) sul quale si basa la blockchain di Bitcoin. La proposta ha creato una certa agitazione nella comunità intorno al Bitcoin perché il PoW è uno dei fondamenti della sua blockchain.

Il proprietario di Bitcointalk e di Bitcoin.org che utilizza il pseudonimo Cobra ha scritto una lettera aperta, diretta alla comunità di Bitcoin, chiedendo di cambiare il meccanismo di consenso Proof of Work che, ritiene, non è più sicuro. Scrive nella sua lettera che Bitcoin sta diventando sempre meno decentralizzato. Cobra colpevolizza la centralizzazione del mining e sopratutto Jihan Wu, il proprietario di Bitmain Technologies basato in Cina.

“Fintanto che [Bitmain] controlla la maggior parte dell’hashrate, l’unico modo per mantenere la rete sicura è la minaccia di un hard fork al nuovo PoW, ma questo funzionerà solo fino a quando la comunità è ragionevolmente piccola e condivide in modo schiacciante gli stessi morali per un Bitcoin decentralizzato”

Cobra ritiene che la competizione con la quale deve combattere Bitmain è insignificante e che il mining è monopolizzato da Jihan Wu. Nella sua lettera, Cobra si spinge oltre e scrive che Bitmain “ha una discutibile fedeltà a Bitcoin, nella migliore delle ipotesi, sembrano più interessati a supportare Bitcoin Cash”.

Cobra dice anche che la localizzazione geopolitica di Bitmain potrebbe influenzare la sicurezza del network.

“I minatori sono in una posizione in cui il governo cinese può prendere la loro attrezzatura in qualsiasi momento; qualcosa che farà senza dubbio se Bitcoin crescerà abbastanza da permettere loro di usare il loro controllo sull’hashrate per spingere l’agenda geopolitica cinese.”

Come soluzione del problema, Cobra propone un nuovo Proof of Work ibrido, possibilmente con la combinazione di Proof of Stake e scegliendo degli algoritmi per i quali sarà facile costruire gli ASIC.

Il proprietario anonimo di Bitcointalk e Bitcoin.org non esita di finire la sua lettera accusando i miners di supportare le altcoin che minacciano Bitcoin e di avere appoggiato ogni tentativo ostile di conquistare la rete.

 

Compra bitcoin con le valute tipo fiat senza verifica account

Scrivi nei commenti cosa ne pensi del cambio del meccanismo del conseso PoW.

La blockchain di Eos è la rivale principale di Ethereum

EOS blockchain è un progetto di una piattaforma scalabile, senza le commissioni per transazione, che supporterà le applicazioni decentralizzate (dApp) e sarà costruita in modo molto facile per permettere ai developers di sviluppare queste dApp.

Il problema della scalabilità della blockchain

Una blockchain per essere utilizzata a livello mondiale deve essere veloce e la blockchain di Bitcoin ha dato prova di non essere in grado di avere una scalabilità abbastanza grande da poter supportare tante transazioni.

Anche Ethereum, che è molto più veloce, ha visto il suo network intasato quando è stata rilasciata l’app Crypto Kitties. Ethereum riesce a far passare 15 transazioni al secondo mentre Bitcoin soltanto 7.

La blockchain di Litecoin è più veloce (50 transazioni al secondo), ma la blockchain di Eos è costruita per batterle tutte.

La scalabilità di Eos può arrivare fino a 1 milione di transazioni al secondo.

 

Il problema della scalabilità è uno dei principali da affrontare nella costruzione di una blockchain. È la scalabilità che ci dice se una blockchain può ricevere milioni di transazioni o meno.

Se tutti quelli che stanno costruendo le applicazioni sulla blockchain di Ethereum, le lanciano e rendono disponibili al pubblico, la rete non riuscirà a supportare questo numero di transazioni e crollerà.

Eos, a differenza di tante blockchain ha un’enorme scalabilità sia verticale che orizzontale, commissioni zero e permette la costruzione di applicazioni decentralizzate quindi ha tutto ciò che ci vuole per porre una vera minaccia a Ethereum.

Se pensiamo che Facebook riceve 52 mila like al secondo e Ethereum riceve 15 transazioni al secondo, vuol dire che se FB volesse utilizzare la blockchain soltanto per i suoi like, questa dovrebbe essere 3466 mila volte più efficiente di quanto questa di Ethereum. Eos, con il suo milione di transazioni al secondo, riuscirebbe a svolgere bene questo compito.

La blockchain di bitcoin è stata la prima e grazie al suo successo tutti gli altri developers hanno potuto sviluppare i propri progetti prendendo dal bitcoin ciò che funziona e migliorando ciò che non funziona.

Quando Dan Larimer ha cominciato a costruire Eos, si è focalizzato sulla scalabilità. Era evidente che il bitcoin, allo stadio al quale era, non avrebbe potuto supportare il numero delle transazioni che crescevano sempre di più e quindi Larimer ha voluto ovviare a questo problema.

Il CTO di Eos ha preso qualcosa anche dalla blockchain di Ethereum.

La caratteristica principale di Ethereum è la possibilità di creare degli smart contracts e Larimer ha voluto implementare e migliorare questo aspetto.

Eos utilizzerà gli smart contracts che saranno molto più efficienti degli smart contracts normali.

Gli smart contracts di Eos

La tecnologia blockchain si basa sull’elaborazione sequenziale delle transazioni, che causa ritardi e può rendere la tecnologia inefficiente.

Larimer ha visto che la scalabilità verticale non basta per permettere a una blockchain di funzionare senza essere congestionata e che bisogna scalare anche orizzontalmente.

La blockchain di Eos potrà elaborare una quantità elevata di transazioni contemporaneamente pur rimanendo in grado di servire altri comandi di rete come l’esecuzione di dApp e senza creare una “coda” sulla blockchain.

Le caratteristiche principali della blockchain di Eos

Le caratteristiche principali della blockchain Eos

La blockchain di Eos utilizzerà un meccanismo di consenso Delegated Proof of Stake (DPoS) nel quale i possessori di token EOS continuamente votano per i produttori dei blocchi, che minano i blocchi e decidono sui principali eventi nell’ecosistema Eos.

I produttori di blocchi con l’81% dei voti, potranno bloccare gli account, aggiornare contratti intelligenti e proporre dei hard fork, ma nel caso in cui un produttore si comporterà male, potrà essere cambiato.

I blocchi sulla blockchain verranno creati ogni 3 secondi e esattamente un produttore è autorizzato a produrre un blocco in un dato momento. Il tempo della conferma di una transazione sarà di 1.5 secondi.

Una caratteristica unica della blockchain di Eos sarà la possibilità di correggere degli errori e ripristinare i cambiamenti con il consenso della maggioranza assoluta invece di aver bisogno di un hard fork. In condizioni normali una blockchain DPoS non avrà bisogno degli hard fork in quanto i produttori dei blocchi lavoreranno cooperando e non competendo con gli altri come nel Proof of Work blockchain tipo bitcoin. Nel caso in cui un hard fork avvenga, la blockchain di Eos passerà alla catena più lunga.

Le aziende che andranno a sviluppare le applicazioni su una blockchain così flessibile avranno la possibilità di migliorare le proprie applicazioni in qualsiasi momento.

Le transazioni su Eos non comportano le commissioni. I token Eos saranno indispensabili per i developers delle applicazioni per rendere le dApp operazionali sulla blockchain e saranno anche necessari per gli account che registrano nuovi utenti di queste applicazioni. Il costo di finanziamento del nuovo account utente sarà insignificante se comparato con ciò che le aziende spendono oggi in pubblicità e promozione per acquistare utenti.

 

La ICO di Eos

I token EOS vengono utilizzati per raccogliere i fondi durante la ICO, la cui durata e di 11 mesi. La ICO è cominciata il 27 giugno 2017 e finisce l’1 giugno 2018.

I token EOS possono essere acquistati sugli exchange tipo Livecoin, Binance e HitBTC.

Su Livecoin puoi acquistare Eos con BTC, USD o ETH e senza la verifica dell’account.